[Cc-it] "Habemus hosting!"

Milo Cutty milo.cutty a hancproject.org
Lun 19 Apr 2004 06:59:18 EDT


Mi trovo completamente d'accordo con Danilo.


Ne approfitto anche per offrire, almeno per quanto riguarda le traduzioni, una costante collaborazione da parte della comunità HANC (http://www.hancproject.org).



Salve,
Leonardo Vaghaye 'Milo Cutty'




-----------------
http://www.hancproject.org


At 12.21 17/04/2004, you wrote:
>Danilo Moi risponde: 
>Penso la seconda soluzione sia quella auspicabile.
>Io parlerei però di segnalazione alla creativecommons.org del fatto che creativecommons.it avrà presto contenuti in italiano.
>Suppongo la creativecommons.org non abbia niente da ridire. 
>Non penso ci siano problemi se:
>creativecommons.it contenesse una traduzione letterale del sito creativecommons.org.
>Si tradurrebbero tutte le documentazioni, gli esempi, i fumetti, le faq e via discorrendo.
>Questa sezione principale sarebbe tradotta dalla lista ma sarebbe moderata e controllata dai membri delle partner institutions.(Ricolfi, De Martin, Ciurcina)
>(Significa più o meno che le partner institutions porrebbero un "veto" alla pubblicazione se i contenuti dovessero essere inequivocabilmente riconosciuti come incompatibili con le creative commons o risultassero "dannosi" sia per le creative commons che per le partner
>institutions stesse...l'eventualità che questo problema si ponga è davvero remota considerata la quantità di persone che fanno parte della lista e considerato il fatto che si parla principalmente di traduzioni) 
>Si creerebbero poi diverse sezioni "blog" nelle quali si segnalerebbero le iniziative delle singole realtà, si raccoglierebbe il lavoro di divulgazione sulle creative commons etc etc.
>In queste sezioni la lista automodererebbe del tutto se stessa.(casomai si specificherebbe con un disclaimer che tali sezioni sono l'espressione diretta della lista ufficiale etc etc.
>Le partner institutions interverrebbero nel caso, molto remoto, venissero pubblicate informazioni vistosamente inopportune)
>Questo lavoro costituirebbe un buon motivo per coordinare le iniziative stesse e per crearne di nuove. 
>Questa è la mia opinione a riguardo, mi pare sia sensata e praticabile, spero sia condivisa. 
>Un saluto 
>Danilo Moi




Maggiori informazioni sulla lista cc-it