[Cc-it] dare vita a creativecommons.it

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Mar 13 Apr 2004 05:46:35 EDT


Il messaggio che segue è pubblicato su http://creativecommons.it
E' datato 8 aprile 2004 ma è stato messo online quesa mattina 

Dare vita a creativecommons.it
Creative Commons Italia è stagnante.
Pensiamo il tutto sia dovuto in ultima istanza al fatto che 
creativecommons.it non sia ancora online.
Questa situazione deve essere sbloccata in tempi brevi. 

Diverse realtà da tempo si muovono in maniera autonoma al fine di divulgare 
le licenze Creative Commons: traduzione di testi e dei materiali ufficiali, 
creazione di materiale ad hoc per la realtà italiana, eventi, conferenze, 
raccolta e scrittura di notizie aggiornate sui temi correlati, lezioni 
universitarie.
Tutto questo materiale giace sparso in numerosi siti web, talora personali, 
spesso difficilmente rintracciabili e monitorabili.
La  necessità del sito creativecommons.it che raccolga il lavoro già fatto e 
sia motivo di una coordinazione di queste realtà è una necessità innegabile. 

L'assenza del sito italiano è solo uno dei motivi, sebbene appunto il 
fondamentale, dello stallo della situazione.
Si sommano infatti diversi "impicci burocratici".
Il gruppo italiano non può agire a nome di Creative Commons o del progetto 
iCommons Italy senza una previa autorizzazione da parte di Creative Commons 
Usa. I tempi di ottenimento di questa autorizzazione sono spesso prolungati 
a causa dei numerosi e giustificati impegni dei membri dello staff 
americano.
Qualunque realtà che voglia mandare avanti un'inziativa si trova nella 
condizione di dover ottenere il doppio avallo sia da parte delle partner 
institutions italiane che da CreativeCommons Usa.
Tutto questo non soltanto rallenta lo svilupparsi di valide iniziative: 
molto spesso le impedisce.
Pensiamo che questa prassi non sia compatibile con lo spirito stesso delle 
iniziative di Creative Commons. 

Per quanto concerne gli aspetti burocratici il nostro potere d'azione è ben 
limitato.
Non lo è per quanto riguarda la pubblicazione del sito creativecommons.it 

Intendiamo perciò metterlo online.
Intendiamo farlo considerando tutti i membri della lista di discussione 
ufficiale  come i collaboratori dello stesso.
Intendiamo gestire i contenuti del sito attraverso la lista di discussione 
seguendo una metodologia di lavoro che permetta ad ogni individuo della 
lista di poter collaborare attivamente al progetto, ogni proposta sarà 
valutata coralmente e ogni sviluppo dovrà essere avallato dai membri. 

Si è posto il problema dello spazio web.
Abbiamo intenzione di risolverlo per due vie possibili: 

Acquisto collettivo di un buon servizio di hosting.
Ricerca di un provider che ospiti gratuitamente creativecommons.it traendo 
vantaggio dalla pubblicità dei suoi servizi ospitata nel sito 
creativecommons.it stesso.
Considerata l'elevata visibilità del sito questa seconda opzione è la più 
probabile.
Chiunque intenda offrire la propria collaborazione non ha che da iscriversi 
alla lista ufficiale di discussione del progetto iCommons Italy e 
comunicarlo scrivendo a Cc-it a lists.ibiblio.org. 

Giovedì 8 aprile 2004 

Danilo Moi, mail at attivista.com
Lorenzo De Tomasi, lorenzodetomasi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it