[Cc-it] sciambola e scioperati

emanuele quinto emanuele_quinto a yahoo.it
Dom 4 Apr 2004 21:19:18 EDT


Come al solito le iniziative dal bosso sono dettate dall'orgasmo per il 
risultato e le necessita' ormonali. Cosi' accade anche in una citta' che 
si vanta di essere universitaria come Pavia. Il solito piccolo bastardo 
posto padano in cui, non essendo emiliani, non e' saltato fuori un 
cantautore a farci sopra i miliardi (essendosi iscritto, a scanso di 
democratici problemi, alla SIAE e vivendoci peraltro).
Comunque in questa piccola comunita' a meta' fra i rasacroce e i boy 
scouts (e sono personalmente estremamente indeciso a scegliere una delle 
due squadre) sono nate ben due riviste che hanno assunto come licenza di 
distribuzione la Creative Commons. Si chiamano "Inchiostro" e "Kronstadt".
Io appartengo alla seconda, redattore fra i redattori, ma penso di non 
dispiacere agli amici di inchiostro se segnalo la loro presenza nel 
mondo delle Libere Licenze.
Gli indirizzi web delle due riviste sono:
www.upartaid.net/kronstadt
http://inchiostro.unipv.it/

Ragazzi, noi ci stiamo dentro (e perdonate la citazione giovanilistica).

emanuele

P.S.
Per i redattori di Kronstadt. Ebbene si' esiste un vasto mondo al di 
fuori del nostro.

P.P.S.
Per i redattori di Inchiostro. Ho ritenuto opportuno segnalare entrambe 
le iniziative alla mailing list di riferimento per Creative Commons 
Italia. Scusate se non vi ho contattato preventivamente, ma penso che 
sia un passo che in ogni modo avremmo dovuto compiere.

P.P.P.S.
Last but not least. Ovvero non perche' siete gli ultimi nei PS siete i 
meno signoficativi.
Per gli iscritti a cc-it
Noi crediamo che le licenze aperte siano assolutamente un passo 
necessario per proteggere la nostra produzione culturale dagli assalti 
del mercato. Noi crediamo che la possibilita' di riproduzione delle 
opere d'ingegno sia un diritto inalienabile dell'homo sapiens. Noi 
crediamo che quando si dicono delle cose interessanti sia assolutamente 
necessario per la sopravvivenza della specie che vengano ripetute a 
costo minimo. Noi non abbiamo paura che un Dandy Warhol possa copiare le 
nostre idee e farci sopara dei quattrini perche' comunque finirebbe per 
fare la figura del cretino lui, piu' che noi.
Noi ci siamo rotti di credere che il mondo della cultura risponda alle 
stesse leggi del mondo della produzione dei tappi a corona. Noi non 
crediamo nel "libero mercato comunque". Noi crediamo in Keynes, nei 
sacri testi di Michel Foucault e del buon vecchio George Orwell.






Maggiori informazioni sulla lista cc-it