[Cc-it] [SIAE] Esenzione dal bollino Siae per le opere rilasciate sotto licenze Creative Commons.

Leandro Noferini lnoferin a cybervalley.org
Dom 4 Apr 2004 08:54:54 EDT


Lorenzo De Tomasi scriveva:

Premetto che purtroppo non riesco a seguire in nessun modo la questione
centrale dei contenuti liberi: ho ricevuto il messaggio perché il mio
indirizzo è "parte" dell'indirizzo bollino a softwarelibero.it in quanto
ho fatto parte del gruppo che ha scritto il Bollino HOWTO.

> Proporrei di costituire un gruppo di studio sulla possibilità di
> esentare dal bollino Siae le opere rilasciate sotto licenze Creative
> Commons.
> In particolare dovremmo lavorare affinché le Ccpl vengano riconosciute
> dalla Siae e adottate dalla Siae stessa come licenze per la tutela 
> delle opere intellettuali e in particolare per le distribuzioni su 
> internet.
> 
> Dovremmo procedere studiando le regole della Siae per poi rilasciare
> una serie di proposte concrete e proporgliele cercando un dialogo con 
> l'associazione stessa e gli autori ad essa associati.
> 
> Il Linux User Group di Roma (Lug) è riuscito a fare qualcosa di simile, 
> limitato però al solo software libero: 
> http://www.softwarelibero.it/bollino/

In effetti la cosa non sta esattamente in questi termini per cui proverò
a chiarire la genesi del documento citato: ai tempi dell'approvazione
della legge 248/2000 ci fu un certo (non posso dire esattamente
notevole) movimento di opinione per la preoccupazione degli effetti in
particolare verso la distribuzione di software libero.

Questa legge era comunemente conosciuta come "la legge del bollino"
in quanto istituiva l'obbligo di apposizione del contrassegno
identificativo (il bollino) alle distribuzioni di software così come era
obbligatorio già da tempo per la distribuzione di altro materiale
coperto dal diritto d'autore. In verità la legge era ben più ampia e
riguardava moltissimi altri campi del diritto d'autore (a memoria
ricordo le fotocopie).

Il problema stava fondamentalmente nel fatto che, ad un primo controllo,
la legge appariva scritta considerando solo le necessità della
distribuzione di software "proprietario", ignorando del tutto le
"particolarità" introdotte da distribuzioni fatte diversamente: non solo
il software libero ma anche il software freeware, shareware e
quant'altro di simile. Particolarmente preoccupata si dimostrarono molti
gruppi interessati al software libero, il Lug Roma e Assoli in primis.

Proprio per chiarire quali fossero gli obblighi per chi distribuiva
questo tipo di software Assoli e il Lug Roma decisero di prendere
contatti con la SIAE per arrivare poi alla scrittura del suddetto
documento.

Quindi in realtà non ci fu alcun "riconoscimento" da parte della SIAE
delle licenze di questo tipo di software (anche perché sono un numero
enorme, mettendoci dentro anche le licenze "freeware" e "shareware"):
fondamentalmente alcuni funzionari della SIAE ci aiutarono nel chiarire
alcuni aspetti.

Inoltre, ma non sono un legale, ovviamente, non credo che la SIAE possa
"riconoscere" o meno delle licenze in quanto questa organizzazione si
limita ad applicare la legge per conto dei propri associati.

> Invio una copia di questa mail ad alcuni membri del Lug Roma e Assoli 
> affinché possano considerare se aderire a questo progetto o fornirci un 
> aiuto o dei consigli.
> 
> Pregherei chi fosse interessato a partecipare a inviare una mail di
> conferma in lista. Per una migliore organizzazione della lista, vi 
> pregherei di anteporre al soggetto di ciascun messaggio sul tema la 
> seguente etichetta: [SIAE]


-- 
Ciao
leandro
Lei è come tutti i dilettanti: le importa far qualcosa piuttosto che
qualcosa sia fatto.
(Goethe - Le affinità elettive)
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  189 bytes
Descrizione: Digital signature
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20040404/fc5b58e0/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it