[Cc-it] Intervista: Ulteriori aggiunte

detomasi.liste a libero.it detomasi.liste a libero.it
Ven 28 Nov 2003 09:30:12 EST


> Come le avevo anticipato, mi servirebbe una sua fotografia da allegare
> all'intervista. Inoltre le chiedo di indicarmi il suo ruolo all'interno
> del gruppo italiano del progetto iCommons.

Proponiamo di scrivere l'intervista come se fosse di gruppo e di sostituire la mia foto con una 
vignetta dei fumetti CC all'indirizzo http://creativecommons.org/learn/licenses/comics1
I ruoli di alcune persone li trova all'indirizzo http://creativecommons.org/press-releases/

> Le risposte, inoltre, mi servirebbero giovedi' o, al piu' tardi, venerdi' mattina perche' venerdi' 
e' prevista la consegna dell'articolo.

1. Qual e' stato il motore aggregante che ha portato all'adesione del gruppo italiano al 
progetto International Commons (iCommons)?

Lorenzo De Tomasi: 
Non vi Ŕ stato un unico motore aggregante, ma pi¨ iniziative avviate quasi 
contemporaneamente da pi¨ persone e poi riunitesi in un'unica comunitÓ.
Io posso raccontare gli eventi dal mio punto di vista.
Sono venuto a conoscenza nel maggio 2002 delle Creative Commons grazie all'articolo 
"Lessig e il Copyright modulare" apparso su Punto Informatico. Da quel momento ho seguito 
con molta attenzione il blog di Lawrence Lessig, ho partecipato a numerose discussioni 
sull'argomento (in particolare sulla mailing list ufficiale) ed ho iniziato a lavorare ad un 
progetto di comunitÓ di persone e idee libere, che si Ŕ poi tramutato nella mia tesi di laurea.
Agli inizi di questa estate ho informato il mio amico Antonio Amelia dell'esistenza del progetto 
International Commons. Antonio, laureato in giurisprudenza, ha espresso notevole interesse 
per l'iniziativa ed ha subito contattato Christiane Asschenfeldt, coordinatrice del progetto 
International Commons, per iniziare la traduzione e l'adattamento delle licenze. Christiane ci 
ha messo in contatto con Juan Carlos De Martin e l'Avvocato Marco Ciurcina che, quasi 
contemporaneamente, avevano proposto IEIIT-CNR e il Dipartimento di Scienze Giuridiche di 
Torino come Partner Institution del progetto. Era anche necessario stabilire un Project Lead 
con elevate competenze legali: all'unanimitÓ abbiamo scelto il Prof. Marco Ricolfi 
dell'UniversitÓ di Torino.
Il 18 Novembre 2003 a Torino Lawrence Lessig e il Prof. Marco Ricolfi hannoha ufficialmente 
presentato Creative Commons Italia. Contemporaneamente sono state create una pagina di 
presentazione (http://creativecommons.org/projects/international/it/) e la lista di discussione 
ufficiale (cc-it a lists.ibiblio.org).
Fondamentale Ŕ anche stato il notevole contributo divulgativo e aggregante di alcuni gruppi 
attivi nell'ambito dell'informazione non istituzionale.

Danilo Moi: 
A luglio sono venuto a conoscenza delle Creative Commons grazie allo spazio fisso a loro 
dedicato su copyDOWN (http://copydown.inventati.org). Quasi immediatamente ho pubblicato 
due articoli dal titolo "Creative Commons: il Copyleft prende forma" (http://rekombinant.org/
article.php?sid=2114) e "International Creative Commons: una proposta" (http://
www.annozero.org/nuovo/stories.php?story=303).
In associazione con erroneo.org abbiamo lanciato la lista di discussione 
creacomm a erroneo.org con l'intento di riunire e coordinare le realtÓ interessate alla 
divulgazione delle Creative Commons nel nostro paese e di aderire al progetto di 
adattamento delle licenze. Alla lista hanno aderito alcuni esponenti di softwarelibero.it 
(Assoli), rekombinant.org, ngvision, newbrainframes.org, erroneo.org, Autistici.org/
Inventati.org, copyDOWN.inventati.org, ecc.
Siamo subito entrati in contatto con Lorenzo che ci ha comunicato la nascita di iCommons Italy 
e le Partner Institution. Abbiamo quindi ridimensionato l'obiettivo della lista che Ŕ diventata 
fin da subito un luogo di divulgazione e confronto per la definizione degli obiettivi comuni.


2. Quali i primi punti dibattuti e quali i temi attualmente pi¨ caldi?

Marco Ciurcina: 
Attualmente il primo obiettivo Ŕ rendere le licenze di Creative Commons compatibili con la 
legislazione italiana. Questa fase del progetto sarÓ coordinata dal Dipartimento di Scienze 
Giuridiche dell'UniversitÓ di Torino ed avrÓ il Prof. Marco Ricolfi come Project Lead.
Chiunque pu˛ partecipare al dibattito e offrire il suo contributo iscrivendosi alla lista cc-
it a lists.ibiblio.org
Stiamo invitando alcune persone, enti e societÓ che potrebbero fornire un valido contributo al 
progetto.

Lorenzo De Tomasi: 
Nel frattempo stiamo preparando un sito tutto italiano grazie all'apporto di alcuni volontari. 
Non sarÓ una semplice traduzione del sito ufficiale americano: avvieremo alcune sezioni 
incentrate sulla realtÓ del nostro paese, come la raccolta e la recensione delle opere italiane 
rilasciate sotto licenza CC. Stiamo anche elaborando delle proposte di progetti concreti da 
proporre agli autori.

Juan Carlos De Martin: 
Ieiit-Cnr inizierÓ al pi¨ presto progettare e realizzare soluzioni tecnologiche idonee a favorire 
la diffusione delle licenze Creative Commons.
╚ ragionevole aspettarsi che i contenuti creativi marchiati con le Ccpl (Creative Commons 
Public Licenses) vivranno principalmente sulla Rete in formato digitale. Diventano, quindi, di 
grandissima rilevanza problemi come l'inserimento delle licenze in formato elettronico (license 
metadata embedding), la creazione di motori di ricerca in grado di selezionare i risultati anche 
sulla base delle licenze associate ai contenuti, lo sviluppo di player multimediali che 
identifichino e presentino all'utente le licenze associate a file Mp3 o Mpeg-4. L'Ieiit-Cnr Ŕ 
interessato
a tutti gli aspetti tecnici, e in particicolare Ŕ giÓ attivamente impegnato nello sviluppo di un 
client di 
streaming multimediale "Ccpl-enabled".


3. Da un punto di vista di visibilitÓ verso l'esterno, quali sono le attivitÓ pubbliche che 
intendete realizzare?

Antonio Amelia: In questo momento stiamo cercando di partecipare a tutte le conferenze e 
convegni in cui viene richiesta la nostra partecipazione. In questo modo cerchiamo sia di farci 
conoscere il pi¨ possibile che di coinvolgere persone interessate a collaborare attivamente al 
progetto. Stiamo elaborando una strategia di comunicazione che in parte potrete vedere 
attuata non appena il sito italiano sarÓ online.


4. Per quanto riguarda relazioni con referenti istituzionali, quali sono i vostri programmi?

Lorenzo De Tomasi: Finora abbiamo solamente accennato dell'argomento nella lista pubblica 
e sono emersi punti di vista differenti. Sicuramente Ŕ uno dei temi che discuteremo 
approfonditamente al pi¨ presto.


5. E con le altre associazioni che in Italia si occupano di diritti digitali?

Lorenzo De Tomasi: Per ora puntiamo al loro coinvolgimento diretto all'iniziativa. Parte del 
lavoro Ŕ giÓ stato fatto, ma i contatti da stabilire sono ancora molti. Lo sforzo di noi tutti in 
questa direzione Ŕ quotidiano.


6. Come vengono gestiti contatti e rapporti con gli altri gruppi nazionali?
[Ho giÓ risposto altrove]


7. Le piu' recenti direttive europee (Eucd, Iped) rappresentano una minaccia libertÓ di 
espressione, di pensiero e di ricerca. Qual Ŕ la vostra posizione in merito?
8. E per quanto riguarda i brevetti sul software?

Marco Ciurcina: Non vogliamo assumere una posizione ufficiale su questi argomenti. Creative 
Commons Italia Ŕ un gruppo di persone che coopera ad un progetto. Ciascuno ha le proprie 
idee e ogni idea si differenzia dalle altre per delle sfumature pi¨ o meno accentuate.


9. Quali considerate i casi piu' interessanti tra le realta' che hanno adottato le Creative 
Commons?

Danilo Moi: Siamo ben felici che italy.indymedia.org, uno dei pi¨ importanti network di 
informazione indipendente in Italia, abbia adottato la licenza CC Attribution-ShareAlike 
insieme ad altre importanti realtÓ, tra le quali rekombinant.org, ngvision, newbrainframes.org, 
open-economy.org, L'Erroneo, copyDOWN, ecc.
╚ anche interessante che sempre pi¨ siti web e blog di persone, gruppi e associazioni italiani 
abbiano adottato le licenze Creative Commons. Sono casi che nel loro piccolo testimoniano il 
grande interesse per l'iniziativa e contribuiscono notevolmente alla diffusione dei suoi principi. 
Ci auguriamo che ben presto aderiscano sempre pi¨ piccoli autori, ma anche piccole case 
editrici e discografiche.
Lorenzo De Tomasi: Uno dei casi pi¨ interessanti a livello internazionale Ŕ sicuramente PLoS 
Biology, la rivista della Public Library of Science che propone "accesso immediato e non 
limitato a idee, metodi, risultati e conclusioni in campo scientifico". Spero vivamente che in un 
futuro molto prossimo anche le UniversitÓ e gli Enti di ricerca italiani si aprano a una diffusione 
libera della conoscenza.
Altre realtÓ italiane degne di nota sono i progetti GNUtemberg (http://www.gnutemberg.org) - 
un archivio di documentazione tutelata da licenze libere e un elenco delle strutture che sono in 
grado di produrne e venderne copie stampate o fotocopiate -, Manuzio di LiberLiber - una 
biblioteca telematica accessibile gratuitamente - e il progetto ScuolaOnline (http://
www.scuolaonline.wide.it/) per la realizzazione di manuali scolastici che possono essere 
distribuiti e utilizzati liberamente in tutte le scuole pubbliche, ma non per fini di lucro. 
Nonostante queste realtÓ non adottino licenze Creative Commons, i loro obiettivi sono, a mio 
parere, in piena sintonia con il nostro progetto.

Copyright 2003 Antonio Amelia, Marco Ciurcina, Juan Carlos De Martin, Lorenzo De Tomasi, 
Danilo Moi,  Pinna, Marco Ricolfi.

This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NoDerivs License. To view a copy 
of this license, visit http://creativecommons.org/licenses/by-nd/1.0/ or send a letter to 
Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it