[Cc-it] Re: Bozza risposta 1a domanda

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Gio 27 Nov 2003 05:50:29 EST


Se le cose stanno così scrivilo pure.
Bada però che da come hai impostato il tutto sembra che il project leader 
sei tu...e non mi pare le così stiano così.
Da quanto affermi sembra che tu e amelia vi siate registrati spontaneamente 
il dominio creativecommons.it poi abbiate contattato la creative commons e 
abbiate quindi concordato assieme a de martin la figura di Ciurcina come 
project leader.(Mi sembra strana come modalità, si parla del cnr e del 
politecnico, siamo in italia e noi italiani tendiamo ad essere poco seri, ma 
francamente mi sembra davvero eccesivo che due istituzioni del genere 
portino avanti un progetto seguendo questo schema: esistono iter accademici 
e burocratici da rispettare...ripeto, se sei sicuro di quanto affermi libero 
di scriverlo) 

Torando a "bomba": a me interessa (e non solo a me) che il lavoro di 
divulgazione compiuto nell'ambito dell'informazione non istituzionale, (che 
è stato lavoro duro) sia rispettato e valorizzato, anche perchè, mi ripeto, 
il target delle creative commons è anzitutto questo.
Se in italia si comincia a parlare di creative commons è proprio perchè 
questo ambito le sta recependo e divulgando. 

Non voglio ora soffermarmi eccessivamente sul comportamento scorretto di 
certi giornalai che, sulle testate nazionali, cominciano a a parlare delle 
creative commons e non citano minimamente il lavoro fatto da tale 
ambito...eppure se si accede a google e si invia la query "creative commons" 
l'esito delle ricerche è inequivocabile :-),
Cito però brevemente tale comportamento perchè gradirei (e non sono solo io 
a gradire) che almeno i membri di questa lista di discussione siano a 
conoscenza di tale lavoro (molti si sono iscritti proprio perchè esso è 
stato compiuto) e, nel muoversi all'esterno ne riconoscano il valore e 
accordino ad esso la visibilità che merita. 

Datto questo concludo: l'intervista è la tua, vedi tu. 

 

 


detomasi.liste a libero.it Scrive: 

> Ho provato a riscriverla. Ditemi se va bene.
> _______________________________
> 1. Qual e' stato il motore aggregante che ha portato all'adesione del gruppo italiano al 
> progetto International Commons (iCommons)? 
> 
> Lorenzo De Tomasi: Agli inizi di questa estate ho informato il mio amico Antonio Amelia 
> dell'esistenza del progetto Creative Commons. Antonio, laureato in giurisprudenza, ha 
> espresso notevole interesse per l'iniziativa ed ha subito contattato Christiane 
> Asschenfeldt, coordinatrice del progetto International Commons, per iniziare la 
> traduzione e l'adattamento delle licenze. Christiane ci ha messo in contatto con Juan 
> Carlos De Martin e l'Avvocato Marco Ciurcina che, quasi contemporaneamente, avevano 
> proposto IEIIT-CNR e il Dipartimento di Scienze Giuridiche di Torino come Partner 
> Institution del progetto. Era anche necessario stabilire un Project Lead con elevate 
> competenze legali: all'unanimità abbiamo scelto il Prof. Marco Ricolfi dell'Università di 
> Torino.
> Il 18 Novembre 2003 a Torino Lawrence Lessig ha ufficialmente presentato
> Creative Commons Italia. Contemporaneamente sono state create una pagina di 
> presentazione (http://creativecommons.org/projects/international/it/) e la lista di 
> discussione ufficiale (cc-it a lists.ibiblio.org).
> Danilo Moi: A luglio sono venuto a conoscenza delle Creative Commons attraverso Pinna 
> e il suo sito copydown.inventati.org e ho pubblicato due articoli dal titolo "Creative 
> Commons: il Copyleft prende forma" (http://rekombinant.org/article.php?sid=2114) e 
> "International Creative Commons: una proposta" (http://www.annozero.org/nuovo/
> stories.php?story=303).
> In associazione con erroneo.org abbiamo lanciato la lista di discussione 
> creacomm a erroneo.org con l'intento di riunire e coordinare le realtà interessate alla 
> divulgazione delle Creative Commons nel nostro paese e di aderire al progetto di 
> adattamento delle licenze. Siamo subito entrati in contatto con Lorenzo che ci ha 
> comunicato la nascita di iCommons Italy e le Partner Institution.  Abbiamo quindi 
> ridimensionato l'obiettivo della lista che è diventata fin da subito un luogo di confronto 
> per la definizione degli obiettivi comuni. 
> 
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
 



Maggiori informazioni sulla lista cc-it