[Cc-it] Bozza risposta 1a domanda

detomasi.liste a libero.it detomasi.liste a libero.it
Gio 27 Nov 2003 05:14:55 EST


Ho provato a riscriverla. Ditemi se va bene.
_______________________________
1. Qual e' stato il motore aggregante che ha portato all'adesione del gruppo italiano al 
progetto International Commons (iCommons)?

Lorenzo De Tomasi: Agli inizi di questa estate ho informato il mio amico Antonio Amelia 
dell'esistenza del progetto Creative Commons. Antonio, laureato in giurisprudenza, ha 
espresso notevole interesse per l'iniziativa ed ha subito contattato Christiane 
Asschenfeldt, coordinatrice del progetto International Commons, per iniziare la 
traduzione e l'adattamento delle licenze. Christiane ci ha messo in contatto con Juan 
Carlos De Martin e l'Avvocato Marco Ciurcina che, quasi contemporaneamente, avevano 
proposto IEIIT-CNR e il Dipartimento di Scienze Giuridiche di Torino come Partner 
Institution del progetto. Era anche necessario stabilire un Project Lead con elevate 
competenze legali: all'unanimitÓ abbiamo scelto il Prof. Marco Ricolfi dell'UniversitÓ di 
Torino.
Il 18 Novembre 2003 a Torino Lawrence Lessig ha ufficialmente presentato
Creative Commons Italia. Contemporaneamente sono state create una pagina di 
presentazione (http://creativecommons.org/projects/international/it/) e la lista di 
discussione ufficiale (cc-it a lists.ibiblio.org).
Danilo Moi: A luglio sono venuto a conoscenza delle Creative Commons attraverso Pinna 
e il suo sito copydown.inventati.org e ho pubblicato due articoli dal titolo "Creative 
Commons: il Copyleft prende forma" (http://rekombinant.org/article.php?sid=2114) e 
"International Creative Commons: una proposta" (http://www.annozero.org/nuovo/
stories.php?story=303).
In associazione con erroneo.org abbiamo lanciato la lista di discussione 
creacomm a erroneo.org con l'intento di riunire e coordinare le realtÓ interessate alla 
divulgazione delle Creative Commons nel nostro paese e di aderire al progetto di 
adattamento delle licenze. Siamo subito entrati in contatto con Lorenzo che ci ha 
comunicato la nascita di iCommons Italy e le Partner Institution.  Abbiamo quindi 
ridimensionato l'obiettivo della lista che Ŕ diventata fin da subito un luogo di confronto 
per la definizione degli obiettivi comuni.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it