[Cc-it] Aiuto! Intervista per Opensource

detomasi.liste a libero.it detomasi.liste a libero.it
Mer 26 Nov 2003 12:21:35 EST


> On Wed, 19 Nov 2003 11:43:10 +0100
> Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a libero.it> wrote:
> 
> > Nessun problema. Coinvolgerò anche gli altri membri di
> > creativecommons.it Attendo sue notizie.

Mi dareste una mano a rispondere alle domande di questa intervista? In questi giorni 
sono molto occupato... :-(
Inizio ad abbozzare alcune risposte. Ho scritto accanto a ciascuna di esse le persone che 
dovrebbero revisionarle.
Io le propongo di realizzare l'intervista come se fosse di gruppo, citando l'autore di ogni 
intervento, un po' come ho già fatto.


> come da accordi le invio le domande per l'intervista che verra'
> pubblicata su OpenSource. Per le risposte, non occorre un file a parte,
> e' sufficiente fare un reply: poi per impaginazione e formattazione ci
> penso io.
> 
> Come le avevo anticipato, mi servirebbe una sua fotografia da allegare
> all'intervista. Inoltre le chiedo di indicarmi il suo ruolo all'interno
> del gruppo italiano del progetto iCommons. 
> Le risposte, inoltre, mi
> servirebbero giovedi' o, al piu' tardi, venerdi' mattina perche'
> venerdi' e' prevista la consegna dell'articolo.
> 
> ****
> 
> 1) Qual e' stato il motore aggregante che ha portato all'adesione del
> gruppo italiano al progetto International Commons (iCommons)?

Lorenzo De Tomasi, Antonio Amelia, Marco Ciurcina: Agli inizi di questa estate ho 
informato il mio amico Antonio Amelia dell'esistenza del progetto Creative Commons. 
Antonio, laureato in giurisprudenza, ha espresso notevole interesse per l'iniziativa ed ha 
subito contattato Christiane Asschenfeldt, coordinatrice del progetto International 
Commons, per iniziare la traduzione e l'adattamento delle licenze. Christiane ci ha 
messo in contatto con Juan Carlos De Martin e l'Avvocato Marco Ciurcina che, quasi 
contemporaneamente, avevano proposto IEIIT-CNR e il Dipartimento di Scienze 
Giuridiche di Torino come Partner Institution del progetto. Era anche necessario stabilire 
un Project Lead con elevate competenze legali: all'unanimità abbiamo scelto il Prof. 
Marco Ricolfi dell'Università di Torino.
Lorenzo De Tomasi, Danilo Moi, ecc.: Nel frattempo ho scoperto che un altro gruppo di 
italiani aveva appena avviato la lista di discussione creacomm a erroneo.org con l'intento 
di riunire e coordinare le realtà interessate alla divulgazione delle Creative Commons nel 
nostro paese con la finalità di aderire al progetto di adattamento delle licenze. La lista è 
stata fin da subito un luogo di confronto per la definizione degli obiettivi comuni.
Il 18 Novembre 2003 a Torino Lawrence Lessig ha ufficialmente presentato
Creative Commons Italia. Contemporaneamente sono state create una pagina di 
presentazione (http://creativecommons.org/projects/international/it/) e la lista di 
discussione ufficiale (cc-it a lists.ibiblio.org).

> 2) Quali i primi punti dibattuti e quali i temi attualmente più caldi?

Marco Ricolfi e Marco Ciurcina: Attualmente il primo obiettivo è rendere le licenze di 
Creative Commons compatibili con le legislazioni italiana ed europea. Questa fase del 
progetto sarà coordinata dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Torino. 
Chiunque può partecipare al dibattito e offrire il suo contributo iscrivendosi alla lista cc-
it a lists.ibiblio.org
Stiamo invitando alcune persone, enti e società che potrebbero fornire un valido 
contributo al progetto.

Lorenzo De Tomasi: Nel frattempo stiamo preparando un sito tutto italiano grazie 
all'apporto di alcuni volontari. Non sarà una semplice traduzione del sito ufficiale 
americano: avvieremo alcune sezioni incentrate sulla realtà del nostro paese, come la 
raccolta e la recensione delle opere italiane rilasciate sotto licenza CC. Stiamo anche 
elaborando delle proposte di progetti concreti da proporre agli autori.

Juan Carlos De Martin: IEIIT-CNR inizierà al più presto progettare e realizzare soluzioni 
tecnologiche idonee a favorire la diffusione delle licenze Creative Commons.

> 3) Da un punto di vista di visibilità verso l'esterno, quali sono le
> attività pubbliche che intendete realizzare?

In questo momento stiamo cercando di partecipare a tutte le conferenze e convegni in 
cui viene richiesta la nostra partecipazione. In questo modo cerchiamo sia di farci 
conoscere il più possibile che di coinvolgere persone interessate a collaborare 
attivamente al progetto.

> 4) Per quanto riguarda relazioni con referenti istituzionali, quali sono
> i vostri programmi?
> 
> 5) E con le altre associazioni che in Italia si occupano di diritti
> digitali?

Per ora puntiamo al loro coinvolgimento

> 6) Come vengono gestiti contatti e rapporti con gli altri gruppi
> nazionali?

Stiamo cercando di coinvolgere
La citazione di questo ambito culturale e sociale non è casuale: esso costituisce, accanto 
alle realtà ad esso legate (ad ex piccole case editrici, piccole case discografiche) il punto 
di partenza e il target privilegiato delle Creative Commons stesse.
(O forse si spera che gli autori sotto contratto con la Mondadori o la Sony, tanto per 
fare due esempi,  distribuiscano il loro lavoro secondo tali licenze?)
E' per questo motivo che il contributo alla discussione, alla stesura e alla divulgazione 
della versione italiana delle Creative Commons da parte delle realtà e delle associazioni 
che in Italia rappresentano e costituiscono tale ambito è importante, se non addirittura 
necessario.
 
> 7) Le piu' recenti direttive europee (Eucd, Iped) rappresentano una
> minaccia libertà di espressione, di pensiero e di ricerca. Qual e' la
> vostra posizione in merito?
> 
> 8) E per quanto riguarda i brevetti sul software?
> 
> 9) Quali considerate i casi piu' interessanti tra le realta' che hanno
> adottato le Creative Commons?

Tutti: Siamo ben felici che italy.indymedia.org, uno dei più importanti network di 
informazione indipendente in Italia, abbia adottato la licenza CC Attribution-ShareAlike 
insieme ad altre importanti realtà, tra le quali rekombinant.org, ngvision, 
newbrainframes.org, open-economy.org, L'Erroneo, CopyDown, ecc.
È anche interessante che sempre più siti web e blog di persone, gruppi e associazioni 
italiani abbiano adottato le licenze Creative Commons. Sono casi che nel loro piccolo 
testimoniano il grande interesse per l'iniziativa e contribuiscono notevolmente alla 
diffusione dei suoi principi. Ci auguriamo che ben presto aderiscano sempre più piccoli 
autori, ma anche piccole case editrici e discografiche.





Maggiori informazioni sulla lista cc-it