[Cc-it] Re: Cc-it Digest, Vol 2, Issue 21

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Lun 29 Dic 2003 10:35:49 EST


Non ci stiamo capendo perchè tu parli di dominio pubblico come "scadenza del 
diritto d'autore", mentre io parlo di "dominio pubblico" come rifiuto 
eventuale da parte di un'autore di ogni diritto su una sua opera che diventa 
appunto automaticamente di tutti(le possibilità che questa esigenza
si ponga sono poche, ma, ragionando da un punto di vista "teorico" non 
impossibili...il agionamento è appunto solo teorico, nonchè personale, anche 
perchè, come abbiamo evidenziato più volte è totalmente illegale) 

...Oggi sono legali, in questo ambito e non solo, cose abbastanza 
discutibili, ergo "legale" non è sinonimo certo di "giusto" (tanto per 
essere banali) 

Per dominio pubblico non intendo quindi ciò che comunemente è inteso, trovo 
che la nozione di dominio pubblico attuale faccia letteralmente schifo.
Oggi dominio pubblico significa ad esempio: poter fare di un'opera di Mozart 
un jingle pubblicitario per reclamizzare un secchio o una scopa: questo è 
barbarie (davvero un segno del rispetto per la cultura) 

Segnalo a riguardo questa notizia inaudita, ridicola e preoccupante: penso 
evidenzi bene le contraddizioni che le legislazioni attuali su diritto 
d'autore e via discorrendo determinano.
"La corte europea autorizza il marchio registrato su 'Per Elisa'"
http://prometeo.serverzone.b-only.com/pipermail/copywhat/2003-December/00030 
3.html 

Un'altro esempio: se copio un cd di una nullità come baglioni vado in 
galera, se invece sfregio Beethoven faccio i soldi (tanto per stare in tema) 


Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it