[Cc-it] Re: Cc-it Digest, Vol 2, Issue 14

Lorenzo De Tomasi detomasi.liste a libero.it
Lun 22 Dic 2003 19:37:48 EST


on 21-12-2003 21:02, creatives at creatives a attivista.com wrote:

> Lorenzo De Tomasi Scrive:
> "La mia proposta è che nelle licenze CC italiane svanisca il modulo
> 'Attribution' che diventa integrato in automatico in tutte le licenze[...]
> che ne pensate? 
> 
> 
> Danilo Moi risponde
> Penso semplicemente sia un'operazione che la creativecommons.it non possa
> fare.
> Penso poi che tale operazione stravolgerebbe del tutto lo spirito delle
> creative commons.(l'eventualità che possa essere attuata è davvero molto ma
> molto remota) 

Proviamo a ragionare un attimo. Forse non hai capito che in Europa
l'attribuzione della paternità dell'opera è obbligatoria per legge grazie ai
diritti morali. Gli Usa non hanno ratificato la Convenzione di Berna e
quindi i diritti morali, di conseguenza nelle licenze CC Usa è stato
necessario inserire un modulo 'Attribution'.
Per un autore europeo scegliere o no il modulo 'Attribution' non dovrebbe
cambiare nulla, in quanto per legge dovrebbe essere sempre tutelato e quindi
dovrebbe essere come se lo avesse scelto anche se non lo ha scelto.
Se le Ccpl fossero state create in Europa molto probabilmente il modulo
'Attribution' non sarebbe un modulo che un autore può scegliere di applicare
alla licenza sulla propria opera, ma sarebbe bensì implicito in ogni
licenza.
È per questo che sia io che Mont crediamo che il modulo Attribution sia
superfluo "da un punto di vista LEGALE".
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Il diritto morale protegge alcuni diritti sull'opera a difesa della
personalità dell'autore. I diritti morali sono indipendenti dai diritti
economici e garantiscono, senza limiti di tempo, all'originale creatore di
un'opera i diritti 

- di rivendicare la paternità della propria opera (Diritto di paternità e di
anonimato);
- di impedire ogni distorsione, mutilazione o altra modifica dell'opera, o
qualsiasi altra azione derogatoria che possa pregiudicare il suo onore o la
sua reputazione (Diritto all'integrità dell'opera) che in pratica sancisce
anche il diritto di replicare alle critiche;
- di decidere se pubblicare o meno la propria opera e di ritirarla dal
commercio (Diritto di pubblicazione e Diritto al ritiro dell'opera dal
commercio), che, diversamente dagli altri, vengono meno con la morte
dell'autore.

Se il copyright americano e il diritto di sfruttamento economico possono
essere trasferiti dall'autore all'editore, i diritti morali nascono dalla
credenza che ogni lavoro creativo includa la personalità e il carattere
dell'autore, quindi non sono trasferibili e possono permanere dopo la morte
dell'autore.
La distinzione tra diritti morali dell'autore su un'opera e diritti di
utilizzazione economica dell'opera stessa è stata sancita nel 1886 nella
Convenzione di Berna. I diritti morali sono applicati da un centinaio di
stati, tra cui quelli membri dell'Unione Europea, ma non sono stati
ratificati dagli Stati Uniti [Dati aggiornati al 2003]. Il testo integrale e
aggiornato della Convenzione di Berna è reperibile all'indirizzo
http://www.law.cornell.edu/treaties/berne/overview.html I diritti morali
sono codificati nell'articolo 6bis.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

> Quando io ho "ipotizzato" di "modificare la share alike" non intendevo certo
> proporre un cambiamento nella la versione italiana, come non proponevo uno
> stravolgimento così radicale.

Se la legislazione Italiana (ed Europea) in materia di diritto d'autore è
radicalmente diversa da quella degli Usa su alcuni punti, perché non
modificare radicalmente le licenze CC? Sarebbe così sbagliato?
Il mio discorso, in ogni caso, ha ben poco a che vedere con la tua proposta
di "modificare la share alike".
 
> Quindi: Sono proprio dell'opinione opposta.
> Non soltanto penso che l'attribution sia utile, ma sarebbe ancora più utile
> se ogni clausola che nelle altre può essere espletata dalla attribution
> stessa venisse rimossa.

Non ho detto che andrebbe rimossa, ma che potrebbe esserlo dato che esistono
delle leggi che rendono obbligatoria l'attribuzione.
Ho invece dato maggiore importanza al modulo 'Attribution' proponendo di
attivarlo in tutte le licenze proprio per essere conformi al diritto morale.
Ho poi affermato che il modulo 'Attribution' "Non è certo superfluo da un
punto di vista COMUNICATIVO: occorre informare le persone dell'obbligo di
citare la paternità dell'opera in ogni caso. Le opere rilasciate sotto le
versioni italiane delle Ccpl potrebbero essere utilizzate da stranieri che
non sono a conoscenza della legislazione europea.
Credo anzi sia importante citare nelle Ccpl italiane (sia nel Common Deed
che nel Legal Code) i passaggi fondamentali della Convenzione di Berna che
tutelano i diritti di paternità e di integrità dell'opera, al fine di farli
rispettare anche anche in altri stati, come gli Usa, che non tutelano i
suddetti diritti.
In particolare credo che le licenze italiane (ed europee) dovrebbero
includere di default e obbligatoriamente il modulo 'attribution'
specificando anche le modalità pratiche con cui deve essere effettuata
l'attribuzione nel caso di opere derivate, ovvero obblighi ad apporre
sull'opera una clausola scritta che specifichi che l'opera è derivata da
un'opera originale o a sua vlta derivata.
Qualcosa del tipo:
Testo scritto da Lorenzo De Tomasi integrando e modificando i seguenti testi
originali:
- Stefano Quintarelli, Creative Commons: diritto d'autore nell'economia
digitale, Equiliber (www.equiliber.org), Milano, 10 Giugno 2003.
- Richard Stallman, Free Software, Free Society: The Selected Essays of
Richard M. Stallman, GNU Press, 2002 (Traduzione in italiano a cura di
Bernardo Parrella e dell'Associazione Software Libero, Software Libero,
Pensiero Libero, Saggi scelti di Richard Stallman, Stampa Alternativa,
Viterbo, 2003)."


> Questo sia per evitare inutili ridondanze sia per rendere più libera la
> distribuzione delle opere licenziate sotto licenza creative commons.
> 
> ...Come al solito , caro Detomasi, abbiamo una visione delle cose
> praticamente opposta :-)

Non è invece che forse hai tratto le tue conclusioni un po' troppo
frettolosamente? :-)

In ogni caso attendo che le mie ipotesi siano confermate da persone più
competenti di me in campo giuridico.

Saluti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it