[Cc-it] Anomolo e licenze CC

detomasi.liste a libero.it detomasi.liste a libero.it
Lun 15 Dic 2003 08:02:36 EST


Venerdì, 12 Dic 2003, alle 18:48 Europe/Rome, anomolo a anomolo.com ha scritto:

Perchè abbiamo adottato un nostro sistema molto meno complesso e
completamente legale.
Ti allego un PDF di chiarimento.
Ciao e grazie, Marco

Ti ringrazio per avermi spedito l'opuscolo esplicativo della filosofia della casa 
discografica Anomolo (http://www.anomolo.com). Avrei alcune domande da porvi e 
consigli da darvi. Scrivo esprimendo opinioni personali e non in quanto membro di 
Creative Commons italia.

- Premetto che tutte le licenze Creative Commons permettono che i brani tutelati da 
esse "possono essere copiati, distribuiti" ed eseguiti o rappresentati" liberamente senza 
incorrere in alcuna sanzione e operando in piena legalità". Non è inoltre necessario 
iscriversi alla Siae o ad altre associazioni.

- Innanzitutto vorrei capire perché ritenete complesse le licenze Creative Commons. Ve 
lo chiedo nell'interesse dell'iniziativa, al fine di apportare migliorie che possano 
avvicinare maggiormente gli autori alle licenze CC. Se avete proposte di miglioramento 
vi prego di inviarmele.

- Dite di rifiutare il "diritto di copia", ma il copyright (in Italia "Diritto d'autore" che è 
diverso dal copyright) è molto più complesso del solo diritto di copia: oltre a limitare le 
libertà dei fruitori di opere, garantisce anche dei diritti indiscutibili agli autori, ovvero i 
diritti di giusto utilizzo, come l'attribuzione della paternità dell'opera e di opposizione a 
qualsiasi lesione all'opera stessa che sia pregiudizievole all'onore o alla reputazione 
dell'autore (http://www.admin.ch/ch/i/rs/0_231_13/a6bis.html). Leggo poi "La 
pubblicazione presso un sito è inoltre una valida testimonianza della paternità di 
un'opera che Anomolo riconosce sempre ai propri artisti". Questa affermazione è un po' 
in contrasto con quella di "rifiuto del copyright". Vi consiglio di essere più chiari su 
questo punto. Il diritto d'autore non viene rifiutato, ma sfruttato per garantire maggiori 
libertà ai fruitori delle opere e per garantire alcuni diritti fondamentali agli autori.
Vi consiglio di adottare una licenza che RIMARCHI l'obbligo di attribuzione della 
paternità dell'opera. In questo modo la musica dei vostri artisti dovrebbe essere SEMPRE 
distribuita citandone gli autori. Volendo potete modificare la licenza obbligando anche a 
citare la casa discografica Anomolo. Il tutto sarebbe a vostro vantaggio.

- Se "lo scopo primario di Anomolo è la libera diffusione della cultura musicale al di 
fuori dei vincoli imposti dal mercato e delle restrizioni applicate dal Diritto di Copia 
(Copyright)", vi consiglio di rilasciare le vostre opere come di Pubblico Dominio. Forse 
ai fini pratici non cambierebbe molto dalla licenza attuale, ma sicuramente nella testa 
delle persone sarebbe ben chiaro cosa intendete. È principalmente una questione di 
comunicazione efficace e chiara. 
Potete fare qui in Italia quello che Creative Commons fa in Usa: http://
creativecommons.org/license/publicdomain-2
Se volete che il vostro modello si diffonda anche alle opere derivate da quelle diffuse da 
voi, vi consiglio l'adozione di una licenza fondata sul copyleft. Per i brani musicali una 
delle più affidabili è proprio la Creative Commons ShareAlike (http://
creativecommons.org/licenses/sa/1.0/). Con la licenza Creative Commons Attribution-
ShareAlike (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/1.0/) avreste uniti i benefici 
dell'attribuzione della paternità a quelli del copyleft. È per questo che ve la consiglio.

- Scrivete anche che "la musica di Anomolo non può essere venduta in alcun modo", ma 
se rifiutate il diritto d'autore (e quindi l'opera dovrebbe essere di pubblico dominio) 
rinunciate ad ogni diritto su di essa e quindi chiunque dovrebbe essere libero di copiarla, 
distribuirla, modificarla e ANCHE venderla, esattamente come oggi una casa editrice 
qualsiasi può stampare un'opera di Shakespeare e venderla. Vi consiglio di chiarire 
meglio questo concetto nella vostra documentazione.
Se invece non volete effettivamente che le opere distribuite da voi vengano usate per 
fini di lucro vi consiglio di utilizzare la licenza Creative Commons Attribution-
NonCommercial (http://creativecommons.org/licenses/by-nc/1.0/) o Attribution-
NonCommercial-ShareAlike (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/1.0/).

- Se effettivamente "lo scopo primario di Anomolo è la libera diffusione della cultura 
musicale al di fuori dei vincoli imposti dal mercato e delle restrizioni applicate dal 
Diritto di Copia (Copyright)" è criticabile che chiediate agli autori di cedere a voi "Il 
Diritto di Utilizzazione Economica" delle loro opere. Cito il vostro opuscolo: "L'accordo 
che regolamenta il rapporto tra l'etichetta e gli artisti, stabilisce che questi ultimi 
cedano ad Anomolo tali diritti ma, al contrario di quanto avviene per le società a fini di 
lucro, nel nostro caso, la gestione del trattamento economico impone che non vi sia 
alcuna azione commerciale legata a tali opere. In concreto, che dai brani prodotti e 
pubblicati non venga ricavato profitto, né da parte degli artisti né da parte dell'etichetta. 
Sarebbe reato operare in senso contrario, utilizzando ad esempio un brano all'interno di 
una compilation posta in vendita senza autorizzazione ufficiale. In sostanza, l'unico 
vincolo tra Anomolo e gli artisti è sancito da un accordo annullabile in qualsiasi 
momento da parte di entrambi, a patto che il materiale ceduto all'etichetta per la 
distribuzione gratuita resti per sempre di quest'ultima (a meno che l'etichetta non 
decida di rilasciarne i diritti)."
Perché sottrarre agli artisti un loro diritto?
Perché invece, se volete una libera diffusione della cultura musicale, non stabilite che gli 
artisti che scelgono di affidarsi alla vostra etichetta debbano rilasciare le proprie opere 
sotto una licenza libera che permetta la loro copia, distribuzione, diffusione, esecuzione 
in pubblico e modifica libere (e quindi anche gratuite)? Perché escludere i fini 
commerciali? Se le opere possono essere legalmente diffuse, perché sottrarre agli 
artisti, a voi etichetta ed eventualmente ad altri  il diritto di vendere autonomamente le 
opere da voi distribuite? La gente sarebbe libera sia di copiare gratuitamente le opere 
che di finanziare i gruppi acquistando i brani. Perché renderlo illegale? Perché non far 
valere lo stesso lodevole principio descritto nelle seguenti righe del vostro opuscolo? "Gli 
artisti, possono percepire denaro dall'attività live, senza tuttavia dover nulla all'etichetta 
e possono autorizzare qualunque agenzia di management per l'organizzazione delle 
proprie tournée e dei propri concerti."

Sarei molto felice se voi rifletteste su queste critiche e proposte e se continuaste il 
dibattito rispondendo a questa e-mail. Sono disponibile per ogni chiarimento.
Ciao e grazie :-)

Lorenzo De Tomasi




Maggiori informazioni sulla lista cc-it