[Cc-it] Re:hai postato in privato

detomasi.liste a libero.it detomasi.liste a libero.it
Gio 11 Dic 2003 09:25:24 EST


Danilo Moi:
Amelia "responsabile creative commons milano" (è stato definito così sia nella trasmissione 
su esseottoradio sia sul sito di esseottoradio sia qui in lista)
Non sarebbe più preciso "referente"? (responsabile implica un legame "ufficiale" con le partner 
institutions italiane...e Amelia ha soltanto legami informali con Ricolfi e Ciurcina, idem si dica 
per Detomasi)

Lorenzo De Tomasi: 
Pienamente d'accordo. Il legame ufficiale non esiste, ma Antonio è stato ufficialmente 
delegato dalle partner institution a rilasciare l'intervista milanese :-) Referente è il termine 
esatto.
Ti ricordo che in CC.it non esiste e non vuole esistere alcuna forma di gerarchia, ad eccezione 
del project lead che ha un ruolo di garanzia e autorevolezza (o sbaglio?). CC.it vuole essere 
una rete collaborativa. In generale direi che chi si dimostra valido può agire a nome 
dell'associazione dopo aver concordato la modalità dell'azione in lista e alle partner 
institution. 

Danilo:
Se Amelia è il referente per Milano delle creative commons è possibile individuare in lista 
referenti per altre città o regioni?
Ovvero una "investitura informale" che permetta al referente stesso (sempre sotto 
supervisione e diretto contatto con la lista e con Ricolfi) di promuovere iniziative, stabilire 
contatti nella propria regione cercando di capillarizzare la diffusione del progetto? 

Lorenzo:
Secondo me si. Attendo la risposta delle partner institution. Ricordo che in ogni caso ciascuno 
dovrebbe poter agire in libertà a titolo personale in qualità di membro della lista di 
discussione. Credo sia necessaria un'investitura solo se si parla non a titolo personale ma a 
nome di CC.it o dell'intera lista. In tal caso occorrerebbe concordare in lista tutto ciò che verrà 
detto o scritto. Credo che sia necessario che, da questo momento in poi, qualunque cosa non 
discussa e concordata in lista sia specificata come 'opinione personale'. Una volta prese 
RIGOROSAMENTE queste precauzioni, ciascuno dovrebbe essere libero di fare ciò che vuole.
Cosa ne pensate? 

Danilo:
Per essere chiari: mi piacerebbe essere il referente per la Sardegna.
Se però mi presento chessò, a un docente universitario, per organizzare un convegno a che 
titolo parlo?
Come faccio a dimostrare che ho il diritto di parlare a nome della creative commons?
 
Lorenzo:
Direi che potresti parlare sia a titolo personale che a nome di CC.it, dopo aver discusso in lista 
le posizioni ufficiali. L'importante è specificare sempre in modo chiaro la differenza. 
Ovviamente si andrebbe sulla fiducia... :-P 
 
Che ne dite? 
 
Ciao,
Lorenzo 
- - - - - 
Danilo:
Ciao Lorenzo 
 
aggiungo: penso quanto proposto possa essere un modo per invogliare gli iscritti a lavorare.
Sbaglio? 

Lorenzo:
Oltre ha questo sono convinto sia la migliore forma di collaborazione.

Danilo:
hai detto "nessuna gerarchia".

Lorenzo:
Esatto. Io piuttosto parlerei di aree di competenza. Se guardi i contatti nella press release su 
CC.it ti rendi conto di cosa parlo. Non c'è nessun responsabile, ma solo il campo primario in 
cui si intende agire.

Danilo:
Io in ogni caso mi muoverei SOLO e SOLTANTO previa autorizzazione di Ricolfi.

Lorenzo:
Scrivigli direttamente, ma ho come l'impressione di sapere cosa dirà :-)

Danilo:
Non c'è gerarchia tra noi, ma il project leader è lui.
Penso questo sia un dato dal quale non si può prescindere.

Lorenzo:
Pienamente d'accordo. Lui è l'unica 'carica' ufficiale.

Danilo:
Ho sentito l'intervento di Amelia su esseottoradio.
L'ho trovato interessante per il largo spazio dedicato alla "share alike" (sembra proprio che sia 
la sua licenza favorita)
Ne ha chiarito molto bene le potenzialità.
A mio avviso avrebbe dovuto sviluppare di più la non commercial (che poi è la mia preferita)
Ma qui intervengono i gusti... 

Lorenzo:
Io non ho preferenze particolari. Ciascun caso ha la sua licenza specifica.
Credo che se un'opera può evolversi debba essere lasciata libera di essere copiata, distribuita 
e modificata. Importante è che, di regola, sia sempre citato l'autore. Quindi preferisco la 
Attribution-ShareAlike. Fortunatamente noi europei siamo tutelati dal diritto morale. 
Teoricamente credo che da noi il modulo attribution non abbia nemmeno senso di esistere, 
anche se è giusto ribadire l'obbligo di attribuzione. Forse dovrebbe essere integrato in tutte le 
licenze come obbligatorio. Certo ad un autore potrebbe anche non importare l'essere citato. 
Oppure potrebbe desiderare l'anonimato totale.

Apprezzo la Attribution-NonCommercial e la Attribution-NonCommercial-ShareAlike per le 
opere che mi sono costate fatica e su cui vorrei avere un ritorno economico. 'Rosicherei' se 
qualcuno le pubblicasse e facesse soldi al posto mio, senza poter reclamare nulla. Certo 
alcune opere particolarmente utili a fine etico e sociale sarebbe meglio se fossero libere.

Apprezzo la Attribution-NoDerivative per proteggere le opinioni personali che non voglio siano 
deviate. Accetto che la gente le citi in parte anche cospicua e mi citi come autore purchè 
mantenga il senso originario della mia opera (e per questo noi europei siamo tutelati dai 
diritti morali) e che la riporti anche quasi interamente con modifiche anche sostanziali purchè 
non mi citi tra gli autori, ma tra le fonti.

Danilo:
Un solo appunto: perchè non ha parlato di qualche iscritto in lista? :-) 

Lorenzo:
Chiedilo direttamente ad Antonio :-)

Saluti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it