[Cc-it] Re: Equiliber

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Gio 11 Dic 2003 05:03:51 EST


In riposta al pezzo di Quintarelli segnalo la seconda parte di un'articolo 
che scrissi il 4 Maggio di quest'anno.
(Prima che venissi a conoscenza delle creative commons, da questo pezzo si 
dovrebbe capire anche il perchè le creative commons mi abbiano appassionato 
così tanto :-) 

Sostengo essenzialmente che il modello di distribibuzione "copyleft" è 
esistito per millenni e che occorre dare esso uno statuto legale.(appunto le 
creative commons)
Parlo poi di alcuni aspetti "speculativi", in breve esprimo il mio punto di 
vista del perchè, come dicono i Wu ming, "Omnia sunt communia".
(lo faccio anche con un esempio scherzoso "software metempsicosi, "software 
anima") 

NB: L'accezione con la quale definisco copyleft in questo pezzo è differente 
da quella espressa nel "Copyeft as the grand unified theory": dove con  
"copyleft" definisco (impropriamente) una possibile legislazione economica 
generale.(sebbene accenni a questa possibile accezione comunque) 

Riporto la parte.
(tratto da: Dalla particolarità dell'etica hacker alla generale "etica del 
Copyleft" di Danilo Moi)
http://www.attivista.com/2003/maggio/from_etica_hacker_to_copyleft.html 

Il Copyleft:
* Il modello della distribuzione "Copyleft" è esistito storicamente per 
millenni.
Non dobbiamo perciò "inventarci niente": gli si deve solo dare uno statuto 
legale coerente affinché chiunque sia da subito posto nella condizione di 
distribuire le proprie opere secondo un modello legale alternativo al 
Copyright.
La libera circolazione dei testi, la possibilità di copiarli, rimaneggiarli, 
citarli, e purtroppo anche di plagiarli, è un fenomeno che ha riguardato 
tutto il corso della storia fino al secolo scorso.
La filologia esiste perché la cultura si è diffusa in questa maniera.
Questo modello, forti delle tecnologie attuali, deve essere ripreso e 
corretto: esse saranno di ausilio nello scongiurare la triste pratica del 
plagio.
Per il resto il modello è da riprendere del tutto.
* A livello speculativo il Copyleft è fondato dal concepire le opere di 
ingegno anzitutto come beni comuni, il diritto d'autore è subordinato al 
diritto comune.
Tale subordinazione non implica la negazione all'individuo della fruizione 
economica del proprio lavoro, è bensì aspetto fondamentale del Copyleft la 
tutela dell'autore e la volontà di svincolare la sua creatività dallo 
sfruttamento da parte di terzi del suo lavoro: il Copyright, malgrado 
l'apparenza, non è questo.
Il Copyleft non è il concepire lo sviluppo del sapere come qualcosa di 
impersonale, di totalmente svincolato dall'attività creativa del singolo: è 
bensì il concepire l'esistenza di ogni produzione intellettuale, dall'opera 
poetica al software, come impossibile d'esistenza autonoma; essa non è non 
può essere mai "causa sui", deriva sempre da qualcosa che in ultima istanza 
implica lo sviluppo dell'intero spirito umano.
Il Copyleft dovrebbe essere anzitutto la trasposizione a livello legislativo 
di tale concetto.
Per fare un esempio: un hard disk è, in ultima analisi, una ruota: nella sua 
esistenza è implicato il nostro comune e sconosciuto progenitore che per 
primo ne ha concepito l'idea.
Un software, in ultima istanza, è un sistema di segni: è implicato nella sua 
esistenza il nostro comune e sconosciuto antenato che primo incise cunei su 
una tavoletta d'argilla.
Perciò accanto all'idea di cooperazione sociale (della quale parla Pekka 
Himanen) occorrerà parlare di "causalità dialettica". (Per chiarire: non 
posso parlare di metempsicosi senza avere una previa idea di anima...perciò 
continuando scherzosamente: l'implementazione del "software metempsicosi"  è 
"causalmente" subordinato dall'implementazione del "software anima". Quindi 
l'autore della "metempsicosi" non potrebbe pretendere un monopolio dello 
sfruttamento economico della sua invenzione, appunto perché non è soltanto 
sua: se è giusto che ne tragga vantaggio economico tale vantaggio non deve 
ledere o impedire chi intende utilizzare e sviluppare il software 
"metempsicosi" nella distribuzione "reincarnazione")
Per concludere: il Copyleft non può più essere una semplice “moda”, 
considerati i discutibilissimi sviluppi della legislazioni occidentali (EUDC 
ad esempio) occorre affrettarsi in una stesura dello stesso 
internazionalmente riconosciuta. (O meglio: appoggiata e sostenuta dalle 
comunità affinché i governi siano forzati a tenerne conto)
La palese volontà poi di brevettare l'imbrevettabile  (il genoma umano) 
richiede una impellente determinazione di tale struttura legale: nell'ambito 
della biologia e della genetica il Copyright dovrà essere infatti 
abbandonato del tutto, pena la barbarie.
Senza la determinazione e il riconoscimento del Copyleft ciò è chiaramente 
impossibile. 

Danilo Moi
www.attivista.com
www.annozero.org 



Maggiori informazioni sulla lista cc-it