R: [Cc-it] Ho scritto a Dario Fo

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Ven 5 Dic 2003 09:53:55 EST


Caro Ricolfi 

Penso che se il progetto creativecommons.it fosse sostenuto da un
personaggio come Dario Fo acquisterebbe senza ombra di dubbio maggiore
prestigio.
Si parla di un premio nobel per la letteratura, nostro per giunta.
Penso che ci sia una bella differenza tra una conferenza tenuta da un
premio nobel e quella tenuta da un neolaureato.(non voglio ora
soffermarmi sulla legittimità dell'intervento di tali "neolaureati" a
nome di due istituzioni pubbliche come il CNR e il Politecnico di Torino) 

Il fatto che l'intervento di Dario Fo al parlamento europeo  sia stato
controproducente, secondo lei, non  penso sia poi fondamenatale, penso
anzi non abbia nessuna rilevanza.
Inoltre non penso davvero che le istanze di Dario Fo in
questo ambito siano state controproducenti: esse sono riconosciute e
avvallate  da milioni di persone.
Non penso neanche che al parlamento europeo Dario Fo abbia fatto la
figuaraccia da lei descritta, come non penso abbracci posizioni
"estremiste" o "catto-estremiste": proprio il contrario signor Ricolfi!
Proprio il contrario!
In ogni caso, quand'anche fosse così, il problema non si porrebbe
ugualmente. 

Ribadisco quindi la mia posizione.
Non penso l'argomentazione da lei addotta sia sostenibile per non
invitare Dario Fo, non lo è perchè non esiste nessun nesso, se non il
fatto che lei ha un'opinione negativa delle posizioni di Fo riguardo
determinate problematiche. 

Penso questo problema debba essere discusso dai membri di questa lista.
Spero perciò che tutti esprimano la loro posizione. 

Danilo Moi
www.attivista.com
www.annozero.org 


Marco Ricolfi Scrive: 

> Caro Moi,
> 	nel 1990 sono stato al Parlamento europeo, chiamato inaudizione sulla 
> direttiva sul brevetto biotecnologico. Ho parlato contro; e, con altre 
> persone di buona volonta e capaci di affrontare la sostanzia scientifica, 
> agricola, medica e giuridica del tema, eravamo quasi riusciti a produrre un 
> esito positivo; in ogni caso, vi e stato il no del PE del 1995 alla 
> proposta della Commissione. Nell'ottobre del 1995 la proposta e stata 
> ripresentata. Uno dei motivi per cui e stata approvata e stato costituito, 
> oltre che dal lobbying delle grandi multinazionali e sementiere, la non 
> credibilita delle opposizioni, ambientaliste, cattoliche, 
> fondamentalistiche. E' mia opinione che l'intervento di Dario Fo sia stato 
> gravemente controproducente; gli europarlamentari che lo hanno ascoltato, 
> nel 1998, non hanno potuto prendere sul serio ne il tono ne il contenuto 
> delle sue prese di posizione.
> 	Non credo che la e-mail inviata sia quindi opportuna.
> 	Marco Ricolfi 
> 
> -----Messaggio originale-----
> Da:	creatives a attivista.com [SMTP:creatives a attivista.com]
> Inviato:	venerdi 5 dicembre 2003 14.06
> A:	cc-it a lists.ibiblio.org
> Oggetto:	[Cc-it] Ho scritto a Dario Fo 
> 
> Riporto la mail inviata 
> 
> Gentilissimo Signor Fo 
> 
> Mi concedo la licenza di disturbarla per segnalarle l'esistenza del 
> progetto
> Creative Commons (Con tutta probabilita ne sara gia a conoscenza) 
> 
> Tale progetto e seguito in Italia dal Politecnico di Torino e dal CNR che,
> il 17 Novembre di quest'anno, sono diventate le istituzioni partner della
> creativecommons.org 
> 
> Io sono un semplice iscritto alla lista di discussione, sebbene negli 
> scorsi
> mesi, prima che la lista discussione ufficiale fosse avviata, abbia dato
> vita a una lista discussione sulle creative commons stesse (molti esponenti 
> di essa sono poi confluiti in quella ufficiale) e abbia portato avanti,
> secondo le possibilita che uno studente di filosofia puo avere, un lavoro 
> di
> divulgazione delle stesse, attraverso la pubblicazione di diverso materiale 
> su svariati siti web. 
> 
> Penso che il progetto troverebbe in lei una voce autorevole e un motivo
> ulteriore di successo.
> Penso anche che, considerata la sua sensibilita alle problematiche 
> correlate
> ai brevetti (alludo alla sua opposizione alla barbara volonta di brevettare 
> il DNA) possa trovare nelle creative commons istanze perfettamente
> compatibili con tale opposizione ma riportate nell'ambito della proprieta
> intellettuale e del copyright. 
> 
> La invito quindi a vagliare la possibilita diventare il "padrino" della
> partnership italiana. 
> 
> Non sono certo io il deputato a tale invito, penso pero che i responsabili
> del progetto sarebbero senza dubbio in accordo con la mia posizione. 
> 
> Ho gia accennato a questa mia idea nella lista di discussione.
> Se lei mostrasse interesse per questa proposta e ci comunicasse tale
> interesse in lista penso sarebbe accolto con entusiasmo sia da noi semplici 
> iscritti sia dai responsabili del Politecnico e del CNR. 
> 
> Cordiali saluti 
> 
> Danilo Moi
> www.attivista.com
> www.annozero.org
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it 
> 
 



Maggiori informazioni sulla lista cc-it