[Cc-it] Scuola on-line e licenze CC

detomasi.liste a libero.it detomasi.liste a libero.it
Mer 3 Dic 2003 04:18:57 EST


> 1) GNU-FDL E IL PROBLEMA DEI LIBRI GRATUITI
> Obiettivo della licenza GNU-FDL è «rendere un manuale, un testo o 
> altri documenti scritti "liberi" nel senso di assicurare a tutti la 
> libertà effettiva di copiarli e redistribuirli, con o senza 
> modifiche, a fini di lucro o no». La licenza GNU-FDL distingue, in 
> sostanza, «libero» da «gratuito» (due concetti che in inglese sono 
> espressi dallo stesso termine, «free»). Tale distinzione è il 
> risultato di un dibattito ampio nel mondo del software; ed è 
> sicuramente rispettabile la posizione di chi suggerisce, anche per i 
> libri on-line, la possibilità di un utilizzo commerciale.
> Tuttavia noi riteniamo che, nel nostro progetto, la gratuità non sia 
> un dettaglio secondario. Se dentro la scuola pubblica iniziative come 
> la nostra possono prendere corpo, è perché da sempre gli insegnanti 
> impiegano buona parte del proprio tempo (ben oltre le 18 ore di 
> cattedra) nello studio e nella preparazione delle lezioni. Fare 
> emergere questa realtà - misconosciuta da un governo che tratta gli 
> insegnanti come rami da potare - ci sembra un obiettivo di grande 
> rilevanza. Qui non si tratta di integrare i nostri stipendi da fame 
> racimolando qualche euro in più (cosa lecita, per carità: non è 
> questo il punto); si tratta invece di sollevare, in tutta la sua 
> portata, la questione della dignità del nostro mestiere. Un mestiere 
> che serve a formare uomini e cittadini pensanti (non solo a calcolare 
> "crediti" e "debiti"); un mestiere che comunica sapere (e per ciò 
> stesso ci impegna in un continuo lavoro di aggiornamento e 
> preparazione). Un mestiere che trasmette valori (che non possono 
> ridursi al semplice valore di scambio).
> 
> 2) LE LICENZE "CREATIVE COMMONS"
> Visto il significato che noi attribuiamo alla circolazione gratuita 
> dei libri, ci pare più opportuno applicare ad essi, anziché la 
> GNU-FDL, le licenze Creative Commons. Si tratta di un gruppo di 
> licenze "modulari", che possono essere combinate in vari modi per 
> adattarsi alle diverse esigenze. La formula classica del Copyright 
> («tutti i diritti riservati») viene sostituita da una nuova formula: 
> «alcuni diritti riservati». I diritti che si intendono riservare 
> possono variare di caso in caso. La nostra idea sarebbe quella di 
> utilizzare la seguente combinazione di licenze:
> a) Non Commercial: è permessa la copia, la distribuzione, 
> l'esposizione e l'esecuzione delle opere rilasciate sotto questa 
> licenza. Di contro, non è possibile in alcun caso l'utilizzo per fini 
> commerciali del materiale, senza una esplicita richiesta e 
> autorizzazione da parte dell'autore.
> b) Attribution: è permessa la copia, la distribuzione, l'esposizione 
> e l'esecuzione. Di contro, è necessario che chi utilizza il materiale 
> ne riporti sempre l'autore e la provenienza.
> c) Share Alike: è permessa a chiunque la distribuzione dei materiali 
> e di derivati di essi solo ed esclusivamente sotto la medesima 
> licenza di distribuzione: nel nostro caso, chiunque adatti, traduca o 
> comunque modifichi un nostro libro sarà obbligato a farlo circolare 
> sotto le licenze Attribution, Non Commercial, Share Alike.

> 3) LIBRI APERTI: CHI GARANTISCE LA QUALITÀ?
> L'applicazione di tali licenze (in particolare della Share Alike) 
> apre la strada alla realizzazione di lavori derivati dai testi 
> originali (adattamenti, riduzioni, ampliamenti, traduzioniŠ). Si 
> istituisce così una modalità di lavoro aperta, che consentirà di 
> rielaborare i testi anche in conformità alle diverse esigenze 
> didattiche.

Un modo per capire qual'è la soluzione migliore è fare degli esempi pratici e riflettere su 
come reagireste.
- Poniamo che un grafico come me prenda il vostro testo e decida di impaginarlo in 
modo differente cambiando radicalmente l'architettura dell'informazione dell'opera e il 
layout grafico, aggiungendo illustrazioni e grafici (il cosidetto infodesign). Voi come 
reagireste? Permettereste a questo grafico di pubblicare l'opera e di guadagnare 
liberamente dalla sua vendita? Un documento rilasciato sotto Gnu-fdl o CC attribution-
sharealike vi garantirebbe il diritto di fare altrettanto con la sua opera, cioè di 
modificarla nuovamente e di guadagnare liberamente dalla sua vendita senza il 
permesso dell'autore.
Oppure preferireste che prima di vendere l'opera vi contatti e chieda il vostro permesso 
(con la possibilità da parte vostra di richiedere il pagamento dei diritti d'autore)?
- Poniamo che altri docenti decidano di modificare la vostra opera per adattarla alle 
proprie esigenze. Pian piano le modifiche diventano sostanziali, tanto da differenziare 
l'opera dalla vostra e decidono di venderla per essere ripagati del loro sforzo. Lo 
permettereste? Un documento rilasciato sotto Gnu-fdl o CC attribution-sharealike vi 
garantirebbe il diritto di includere nella vostra versione alcune delle modifiche apportate 
dagli autori dell'opera modificata senza richiedere il loro permesso e senza pagar loro i 
diritti.

> La scelta di adottare la licenza Share Alike non è scontata. È giusto 
> infatti, per chi vuol produrre testi scolastici, porsi una 
> fondamentale domanda: chi garantisce la qualità scientifica dei 
> libri? E chi garantirà, in un secondo tempo, che questa qualità non 
> si perda in qualcuno dei manuali derivati? L'improvvisazione e lo 
> spontaneismo sono rischi da cui guardarsi con la massima 
> circospezione. Potrebbe succedere che un collega dotato di fantasia 
> rielabori un libro "libero", per esempio di matematica, e inserisca 
> in esso un paio di teoremi inventati di sana pianta. Chi difende, in 
> questo caso, gli studenti?

Chiunque potrebbe farlo (non lecitamente) ancher se l'opera fosse protetta da copyright 
e probabilmente voi nemmeno ve ne accorgereste.
La garanzia di qualità dei manuali derivati non può essere garantita. In ogni caso la 
Convenzione di Berna dice “Independently of the author's economic rights, and even 
after the transfer of the said rights, the author shall have the right to claim authorship 
of the work and to object to any distortion, mutilation or other modification of, or other 
derogatory action in relation to, the said work, which would be prejudicial to his honour 
or reputation.”
Questa è una garanzia nei vostri confronti, a prescindere dalla licenza scelta.

Può essere invece garantita la qualità della vostra versione. I documenti pubblicati sul 
vostro sito sarebbero certificati dalla vostra autorevolezza. È la stessa logica che sta 
dietro alle distribuzioni di Linux come Redhat o della versione Netscape di Mozilla. La 
fiducia degli utenti nei confronti degli autori e degli editori è la principale garanzia di 
qualità. La gente potrebbe anche essere disposta a pagare per avere la vostra versione. 
Anche Umberto Eco, per fare un esempio, potrebbe modificare la vostra opera e 
pubblicarla ad un prezzo superiore forte della sua autorevolezza. Come già detto, se 
pubblicaste i vostri documenti sotto Gnu-fdl o CC attribution-sharealike poi potreste 
comunque modificare l'opera di Eco e ripubblicarla.
Anche PincoPallino potrebbe pubblicare una versione riveduta e scorretta, ma la gente 
libera di scegliere tra la vostra versione e quella di un semisconosciuto, quale 
preferirebbe?

> Avvertiamo il problema in tutta la sua serietà. E lo avvertiamo 
> anzitutto con riferimento al libro di Italiano che stiamo scrivendo. 
> Se abbiamo deciso di pubblicarlo on-line "a puntate" - via via cioè 
> che lo andiamo elaborando - è proprio perché non vogliamo fidarci 
> troppo di noi stessi; perché crediamo che condividere l'opera con il 
> maggior numero possibile di colleghi, raccoglierne i consigli e i 
> suggerimenti, sia il modo migliore per ridurre al minimo le 
> possibilità di errore. Lo facciamo con assoluta modestia ma anche con 
> una certa consapevolezza delle nostre forze. Sappiamo infatti che un 
> editore e un prezzo di copertina non sono di per sé garanzia 
> dell'affidabilità scientifica di un testo. Tutti noi abbiamo avuto 
> per le mani, accanto a libri eccellenti, anche manuali 
> approssimativi, sciatti, imprecisi. La grande forza del nostro 
> progetto sta nella disponibilità di un "comitato scientifico" 
> virtualmente illimitato, in grado di individuare e correggere 
> eventuali errori prima che il libro finisca sui banchi di scuola. La 
> possibilità di vincere questa sfida sta tutta - lo abbiamo sempre 
> detto - nella partecipazione dei colleghi disposti a utilizzare i 
> nostri testi, nella loro collaborazione, nelle loro proposte. In una 
> parola, nella "apertura" dei nostri libri.
> Se il discorso vale per il nostro manuale, esso dovrà valere anche 
> per tutti i testi che dovessero derivare da esso; e dovrà valere per 
> tutti i libri, delle più varie discipline, che si aggiungeranno col 
> tempo. Non ci sentiamo di dettare oggi i dettagli organizzativi per 
> far funzionare questo "comitato scientifico diffuso". Ci sentiamo 
> però di aprire fin d'ora il dibattito (e di chiedere aiuto e 
> consiglio a chi, in altri campi, abbia già affrontato problemi 
> analoghi) perché si riesca a porre ordine al movimento; perché si 
> individuino, cioè, i modi e gli strumenti per organizzare la 
> ricchezza di competenze, passione e interesse che si sta coagulando 
> intorno al nostro progetto.
> 
> 4) PER FAVORE, RISPONDETE A QUESTO MESSAGGIO
> Le riflessioni che si sono qui svolte nascono da un'esperienza 
> specifica (Letteratura italiana - Libro Aperto); esse costituiscono 
> semplicemente una prima, perfettibile, indicazione di percorso. 
> Chiediamo dunque a chi ci legge di esprimere un'opinione e dare un 
> contributo (e di lasciarlo qui, sul nostro forum, rispondendo a 
> questo messaggio) al fine di discutere, precisare, migliorare la 
> nostra proposta.

> Per commentare la proposta sul forum, andate all'indirizzo 
> http://pub8.bravenet.com/forum/
fetch.php?usernum=634366254&msgid=192636&mode=&cp= 
> e fate clic su "Reply".
> 
> 
> Questo messaggio vi è stato spedito su vostra richiesta. Se non
> desiderate ricevere altri aggiornamenti sul progetto Scuola on-line
> potete, in qualsiasi momento, chiedere la cancellazione del vostro
> indirizzo. Basta spedirci un messaggio
> (mailto:scuolaonline a supereva.it) scrivendo nel Subject "Unsubscribe".
> 
> 
> 
> 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it