[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Federico Falcetti federico.falcetti a gmail.com
Lun 13 Nov 2006 14:44:20 EST


Il 12/11/06, Andrea Glorioso <andrea.glorioso a polito.it> ha scritto:
>
> On Sun, Nov 12, 2006 at 01:50:28AM +0100, Federico Falcetti wrote:
> > Il 11/11/06, Andrea Glorioso <andrea a digitalpolicy.it> ha scritto:
>
> > Io credo - ma non sono un legale per cui è possibile che mi sbagli - che
> i
> > così detti diritti di utilizzazione economica siano gli stessi in tutti
> i
> > paesi che hanno ratificato la celeberrima Convenzione di Ginevra (si
> tratta
> > di moltissimi paesi... forse tutti i paesi del mondo o quasi tutti i
> paesi
> > del mondo).
> > Per cui non vedo proprio quali problemi "atomici" potrebbero sorgere
> dallo
> > scomporre i diritti indicati in quella Convenzione (che sono gli stessi
> cui
> > fanno riferimento la licenza e i vari ordinamenti nazionali).
>
> La Convenzione di Berna (non di Ginevra, a meno che non stiamo parlando
> di due cose differenti)  e altri trattati internazionali in materia
> definiscono, tra le altre cose, un insieme minimo di diritti di
> utilizzazione
> economica che tutti i paesi firmatari devono garantire;



Un lapsus: intendevo appunto dire Berna. Ecco partiamo da quell'inseme
minimo (che poi tanto minimo non è). E' più che sufficiente.



>
>
> > A me pare che se correggo la licenza in un punto solo si creano dei
> problemi
> > interni perché in un punto la licenza dirà il contrario di quello che
> c'è
> > scritto in più punti.
>
> Mah.. se lei semplicemente dice "sono esplicitamente escluse dall'insieme
> delle Opere Derivate le opere risultanti dalla traduzioni dell'Opera"
> non mi pare sorgano contraddizioni insanabili.


A me invece sì, ma se ho capito bene nemmeno lei è giurista per cui sarebbe
meglio che parlassero dei giuristi.



> Anche se la correggessi (anche solo in un punto) non sarei comunque sicuro
> > che altri capirebbero che è una licenza "derivata".
>
> Basterebbe chiamarla in altro modo, cosa che Lei comunque dovrebbe fare,
> dato che non puo` modifica una licenza CC e continuare a chiamarla
> licenza CC.



Non sono sicuro che basterebbe chiamarla in un altro modo per avere nella
pratica quella certezza.



> Se invece aggiungo un altro documento si aprono altri problemi perché
> > chiunque potrebbe dire:
> > "non hai letto l'altro documento allegato nel quale non ti concedo
> quello
> > che ti concedo nella licenza".
>
> Questo puo` in effetti essere un problema, soprattutto in ragione di un
> punto che mi era sfuggito (anche se ci avevo ragionato molto in passato,
> ma in un altro ambito) ovvero l'art. 8(e):
>
>   "La presente Licenza costituisce l'intero accordo tra le parti
>    relativamente all'Opera qui data in licenza. Non esistono altre intese,
>    accordi o dichiarazioni relative all'Opera che non siano quelle qui
>    specificate. Il Licenziante non sarà vincolato ad alcuna altra
>    disposizione addizionale che possa apparire in alcuna comunicazione da
>    Te proveniente. La presente Licenza non può essere modificata senza il
>    mutuo consenso scritto del Licenziante e Tuo."
>
> Va capito in che modo questa disposizione si integra con le "eccezioni
> aggiuntive", o se tale articolo imponga la creazione di un'altra licenza
> tout court (ancora, e scusi se insisto, da chiamare in modo differente).


A me pare che non ci sia possibilità di integrazione.



Un cordiale saluto,
Federico Falcetti
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061113/aae17005/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it