[Cc-it] Re: Cc-it Digest, Vol 16, Issue 10

J.C. De Martin demartin a polito.it
Mer 16 Feb 2005 10:08:48 EST


Buongiorno, e benvenuta!

Le licence CCPL italiane -tradotte e, dove opportuno/possibile, adattate-
sono state presentate a Torino il 16 dicembre 2004.

Trova le licenze sia sul sito creativecommons.org,
sia sul sito delle istituzioni che hanno lavorato, insieme alla lista cc-it
(che cura, nella persona di alcuni sui membri, il sito della comunita'
CC Italia, ovvero www.creativecommons.it),
alla traduzione/adattamento, ovvero:

  http://creativecommons.ieiit.cnr.it/

Su questo sito trova anche dei documenti (tre, per la precisione),
su diversi aspetti del lavoro della task force, ovvero:

    *  Report on Substantive Legal Changes (versione in italiano)
    * Il progetto iCommons: prospettive di lavoro
    * IL BOLLINO SIAE E LE LICENZE CREATIVE COMMONS

Un quarto documento, sull'esclusiva ex legge 180,
sta per essere pubblicato (piu' tardi oggi, se riesco).

Quanto alle interazioni con altri progetti dell'EU continentale,
i punti di contatto sono molti. Se ne discutera' in particolare
ad Amsterdam il 17-18 marzo 2005, nel corso di sessioni
speciali del convegno "Creative Capital".

Rinnovando il benvenuto, saluto cordialmente,

Juan Carlos De Martin

IEIIT-CNR



Deborah De Angelis wrote:

> Salve a tutti,
>
> dopo la mia precedente presentazione,  vorrei entrare un pò nel vivo 
> del lavoro. Intanto mi sorge spontanea una domanda: a che punto siamo 
> con il lavoro di traduzione delle licenze CC? Vorrei davvero 
> collaborare attivamente, ma sul sito .it non mi è sembrato di vederne 
> traccia alcuna (forse per mia disattenzione), sareste così cortesi da 
> delucidarmi sull'argomento?
> Parlando con il Prof. Bernt Hugenholtz dell'Università di Amsterdam, 
> che si sta occupando delle traduzione delle licenze CC in Olanda, lo 
> stesso mi riferiva che sta incontrando, ovviamente, gli stessi 
> problemi che abbiamo noi, ossia l'adattamento delle licenze di stampo 
> americano con il diritto morale (vedi, soprattutto, la facoltà di 
> ostacolarsi a qualsiasi modifica o alterazione dell'opera che sia 
> lesiva dell'onore e della reputazione "artistica" dell'autore) e 
> l'ostacolo del monopolio di fatto o legale (dicasi Siae) della 
> gestione collettiva del diritto d'autore. E' interessante su questi 
> temi l'intervista rilasciata dal Prof. Hugenholtz sul sito 
> www.bouncefm.com.
>
> Per riallacciarmi al discorso di  Aliprandi e Moi circa la riduzione 
> dei modelli di licenza da 11 a 6, credo che ciò sia stato dettato 
> anche da ragioni di praticità, in quanto alcune licenze presentavano 
> dei tratti salienti simili . Il fatto di introdurre di default 
> l'attribution credo, invece, che risponda semplicemente alla scelta di 
> rilasciare l'opera sotto una licenza, qualunque essa sia si tratta di 
> licenza= autorizzare, ciò implica comunque il vulnus che è la 
> paternità...altrimenti se si rinunciasse anche a tale facoltà l'opera 
> potrebbe essere rilasciata a disposizione del pubblico senza alcun 
> vincolo e quindi come dominio pubblico.
>
> Un caro saluto,
>
> Deborah De Angelis
>
>
> Il giorno 16/feb/05, alle 12:32, creatives a attivista.com ha scritto:
>
>> Aliprandi scrive:
>> [..]
>> ma la cosa non può essere dipesa dal fatto che essendo sbarcate anche 
>> in Europa con i porgetti iCommons ci si è scontrati con la realtà del 
>> diritto d'autore continentale (quello con i diritti morali al 
>> riconoscimento della partenità)?
>> [..]
>> Danilo Moi risponde:
>> Ovvio.
>> Io "criticavo" la scelta di introdurre "di default" la attribution.
>> **Sappiamo che in europa è comunque così.**
>> Criticavo la scelta di cc.org e la sua "giustificazione".
>> Il fatto che il 97% degli utenti scelga una determinata forma non è 
>> una giustificazione sensata all'adozione, quasi a mo' di standard, 
>> della "forma" stessa.
>> Non a caso ho scritto:
>> "Ora ci manca solo che includano di default anche la no derivative works
>> (moltissimi "utenti", pure troppi, infatti la adottano)..."
>>
>> Era una critica al metodo :-)
>> Aliprandi scrive:
>> [..]
>> cmq la situazione non è molto chiara, anche perchè sul sito vengono 
>> mantenute le 1.0. senza la Attribution di default. quindi? cosa 
>> significa?
>> [..]
>> Danilo Moi risponde:
>> Non vorrei sbagliare ma credo sia dovuto al semplice fatto che una 
>> licenza non è revocabile.
>> Ergo se un opera è stata licenziata con una licenza X e qualcuno, ad 
>> esempio, la ripubblica (rispettando i termini e le condizioni della 
>> licenza stessa)  non può fare che riferimento alla licenza originale.
>> L'autore potrebbe in un determinato momento cambiare la versione 
>> della licenza o cambiare licenza del tutto ma tutti coloro che 
>> (appunto rispettando i termini e le condizioni della licenza stessa) 
>> hanno usufruito, ripubblicato , casomai creato opere derivate devono 
>> essere tutelati.
>> (i termini e le condizioni della nuova licenza infatti potrebbero 
>> cambiare radicalmente)
>> ...questo ovviamente sempre con un dovuto "non vorrei sbagliare".
>>
>> Un saluto
>> Danilo Moi
>> danilomoi at creativecommons.it
>> ------------------------------------------------------------------
>> Il mercante meditò sul potere ed escogitò la democrazia al fine di 
>> comprarsi i voti (D. Moi)
>>
>> _______________________________________________
>> Cc-it mailing list
>> Cc-it a lists.ibiblio.org
>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>>
>>
> _________________________________
> Avv. Deborah De Angelis
> DDA LAW FIRM
> 00195 Roma
> Via Premuda, 16
> tel. +39.06.39.74.56.22
> fax +39.06.39.03.88.33
> e-mail: avv.deborahdeangelis a virgilio.it
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>


-- 
I migliori saluti, 


Juan Carlos De Martin
______________________________________
IEIIT
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24
10129 Torino, Italy
E-mail: demartin a polito.it
Tel: +39-011-564-5421
Fax: +39-011-564-5429
http://media.polito.it





Maggiori informazioni sulla lista cc-it