[Cc-it] Re: tutela delle opere e valore probatorio (dalle raccomandate a copyzero)

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mar 21 Set 2004 13:21:06 EDT


pinna Scrive:
> quindi vorrei capire se il testo riportato da Nicola Alcide Grossi 
> puo' essere applicato anche al sistema della raccomandata cosi' come 
> l'ho spiegato io (timbro apposto su una busta che rimane chiusa), 
> dato che non sono in grado di giudicarlo da me, e che quanto ho letto 
> finora non mi ha convinto ne' che sia valido, ne' che non sia valido. 

Quel testo spiega che, per consolidata giurisprudenza, il timbro postale, 
per costituire prova legale di anteriorità di un'opera, deve essere apposto 
direttamente all'opera. Se il timbro rimane sulla busta (per quanto 
sigillata) non potrà essere utilizzato come prova di anteriorità dell'opera.
Per questo motivo, come ha detto anche Alessandro (e potrà dirvi qualsiasi 
notaio), si piega il foglio in 4 e lo si trasforma in busta, affinché il 
timbro venga apposto direttamente al foglio (all'opera). Sul punto c'è 
carenza di informazione in rete: spesso si dice o si lascia intendere che 
sia sufficiente il timbro sulla busta, ma *non è così*. Ricordo un thread 
sulla mailing list di AsSoLi in cui si parlava proprio dell'impossibilità di 
tutelare un codice sorgente con il sistema della raccomandata: su un foglio 
lo spazio è troppo poco. :) 

Non importa essere convinti o meno di una cosa (ognuno è libero di credere a 
ciò che vuole e di esprimersi liberamente), l'importante è evitare di fare 
disinformazione. Un buon modo è quello di citare le fonti (se sono fonti 
qualificate tanto meglio). 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it