[cc-it] domanda

lorena cosimi lorenacosimi a gmail.com
Dom 29 Apr 2012 09:42:24 EDT


---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: lorena cosimi <lorenacosimi a gmail.com>
Date: 29 aprile 2012 15:27
Oggetto: Re: [cc-it] domanda
A: Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com>


intanto, grazie per la risposta, ora ho le idee più chiare. provo a
spiegarmi meglio: quello che vorrei è che la gente, chiunque potesse fare
ciò che vuole dei miei lavori, ma non farli diventare un prodotto
commerciale su larga scala. vorrei che restasse una produzione artigianale
e se, per fare un esempio pratico, un giorno un produttore cinese volesse
riprodurre i miei lavori, si ritrovasse a non poterlo fare, almeno non
uguale ai miei. certo, non poteri impedirne la riproduzione non potendo
come dice lei "vietare" di mettere un bottone in una determinata posizione,
ma forse potrei evitare che i bottoni fossero messi lì dove li ho messi io
e quindi impedire che siano fatte copie esatte delle mie creazioni. io non
voglio tutelare e proteggere l'idea dalla copia o l'ispirazione di altri,
quanto piuttosto non vorrei regalare un'idea a chi di idee ne ha poche e
sfrutta invece la creatività di altri.

comunque, mi sembra di capire che questa cosa sia più dell'ambito dei
brevetti, cosa di cui non so veramente niente, ma lei dice " Può
sicuramente licenziare con Creative Commons il design originale da lei
creato". bene! come fare, allora? con una foto? con una descrizione scritta
dell'idea?

vedo di capire qualcosa di più sui brevetti, che so essere cmq costosi, e
poi deciderò se non farne niente e lasciare che gli eventi seguano il loro
corso, oppure...

la ringrazio dell'aiuto

lorena

Il giorno 29 aprile 2012 11:57, Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com
> ha scritto:

> buongiorno,
> > vengo dal mondo del teatro e della danza, ma la mia domanda riguarda un
> > altro universo, quello dell'artigianato. da qualche tempo, per magia, mi
> > ritrovo a fare, produrre, inventare oggetti originali mettendo insieme
> > filati bottoni, chiusure lampo, cravatte e anelli per tende. detta così
> non
> > rende molto, ma credo di aver trovato un modo originale di riinventare
> > oggetti diversi. insomma, sono contenta delle mie creazioni. quello che
> > vorrei sapere è se è possibile tutelare questi oggetti evitando che
> > qualcuno si appropri dell'idea e ne faccia prodotto su larga scala,
> > approfittando del mio estro e svilendo l'aspetto artigianale del mio
> > lavoro. come fare allora? dovrei scattare delle foto degli oggetti e
> > metterli in CC, oppure creare un logo e proteggere quello? oppure un
> sito,
> > da cui la gente potrebbe pescare quello che vuole ma nessuno potrebbe
> fare
> > delle cose che vede un commercio in grande quantità, senza peraltro
> farmelo
> > sapere? in sintesi, vorrei proteggere quello che faccio da speculatori
> > senza immaginazione e allo stesso tempo lasciare che chiunque, per suo
> > diletto, possa fabbricarsi oggetti riciclando i bottoni, le cravatte e
> >  filiati che non usa più...
>
> Premettendo (come sempre faccio anche a costo di diventare ossessivo)
> che LE LICENZE CC NON SONO UNA FORMA DI TUTELA BENSÌ UNO STRUMENTO DI
> DISTRIBUZIONE DELLE OPERE, credo che il suo dubbio sia viziato da un
> equivoco abbastanza diffuso. Ovvero quello per cui il diritto d'autore
> serva per *tutelare le idee*. Non è così (e per fortuna!). Il diritto
> d'autore tutela le opere dell'ingegno di carattere creativo, che - in
> parole povere - sono lo specifico modo con cu un autore decide di
> estrinsecare la sua idea. La stessa idea può essere estrinsecata ed
> espressa da due autori diversi con forme espressive e stilistiche
> completamente diverse, ed entrambi sarebbero titolari escluisivi dei
> diritti sulle loro due opere.
> Detto questo, e chiarito in concetto della premessa, può capire da
> sola che non ha molto senso interrogarsi sull'applicazione di una
> licenza CC alle sue creazioni con lo spirito da lei espresso nella
> email. Può sicuramente licenziare con Creative Commons il design
> originale da lei creato ma non certo l'idea di mettere un bottone in
> una determinata posizione (non so se mi spiego). E comunque il fatto
> di licenziare con CC il design non sarebbe comunque una forma di
> tutela, ma sarebbe un modo per dire al resto del mondo che lei
> autorizza a farne copie o anche a farne opere derivate... che quindi
> potrebbe anche essere esattamente il contrario da quello che lei
> intende fare.
> Un cordiale saluto.
>
> --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>


Maggiori informazioni sulla lista cc-it