[cc-it] FAQ CC su Google docs

jc.demartin a gmail.com jc.demartin a gmail.com
Lun 29 Set 2008 15:23:56 EDT


Ho condiviso un documento con te dal titolo "FAQ CC 29 settembre 2008":  
http://docs.google.com/Doc?id=dfc5bs75_5f4t2jgm&invite=ft2784s Non è in  
allegato, ma archiviato online su Google Documenti. Per aprire il  
documento, fai clic sul link qui sopra. --- Col presente messaggio tutti  
gli iscritti alla lista cc-it con un login Gmail potranno accedere e  
commentare la versione su Google docs della prima bozza pubblica della  
versione italiana delle FAQ ufficiali CC. cordiali saluti, juan carlos de  
martin
Frequently Asked Questions
Dal wiki di CreativeCommons.org
Creative Commons non fornisce pareri legali di conseguenza, anche se questa  
raccolta di FAQ è stata studiata per contribuire ad una migliore  
comprensione delle modalità d'uso delle nostre licenze, non si può  
escludere la presenza di errori, e comunque non si tratta per sua stessa  
natura di un'esposizione esauriente, né può sostituire un parere legale.  
Queste FAQ si basano su un testo elaborato per gli Stati Uniti e potrebbero  
non trattare argomenti per te importanti, e a seconda alla situazione  
specifica, potrebbe essere necessario ricorrere all'assistenza di un  
avvocato. Creative Commons si limita a mettere a disposizione una serie di  
modelli di licenza: la scelta di utilizzare la licenza, sia da parte del  
licenziante che in qualità di licenziatario, è totalmente libera e  
discrezionale ed implica un’autonoma e consapevole valutazione circa  
l’adeguatezza e la validità della licenza utilizzata rispetto ai propri  
fini. Creative Commons non dà alcuna garanzia, né si assume alcuna  
responsabilità, circa l’adeguatezza della licenza ai fini  
dell’utilizzatore, la conformità ad uno specifico scopo, la sua validità e  
la sua efficacia. 1) Come faccio ad applicare le licenze Creative Commons  
alle mie opere?
Per ciò che riguarda le opere pubblicate online, puoi applicare una delle  
licenze Creative Commons selezionando quella che meglio si adatta alle tue  
esigenze. Una volta che hai selezionato la tua licenza, se intendi  
applicarla ad un'opera distribuita online, segui le istruzioni per  
includere il codice HTML. Questo codice genera automaticamente il  
pulsante "Some rights reserved" e una dichiarazione che l'opera è soggetta  
ad una licenza Creative Commons. Il pulsante segnala ai fruitori dell'opera  
che l'opera è soggetta ad una licenza Creative Commons. Il codice HTML  
include anche dei metadati grazie ai quali il tuo lavoro può essere trovato  
dai motori di ricerca abilitati. 2) Posso applicare Creative Commons ad  
un'opera offline?
Sì. Per le opere offline, dopo aver scelto quale licenza Creative Commons  
applicare alla tua opera, puoi usare una dichiarazione tipo "Quest'opera è  
soggetta alla licenza Creative Commons [inserisci la descrizione,  
es. "Attribuzione-CondividiAlloStessoModo"] con il rinvio alla URL della  
licenza, specificando la versione di licenza utilizzata.
L'unica differenza tra l'applicazione di una licenza ad un'opera offline e  
ad un'opera online è che nel caso di un'opera offline i metadati non sono  
presenti e, di conseguenza, essa non sarà trovata dai motori di ricerca  
abilitati.
3) Come operano le licenze Creative Commons?
Le licenze Creative Commons sono basate sul diritto d'autore. Quindi, si  
applicano a qualsiasi opera tutelata da quest'ultimo. Esempi di opere  
protette dal diritto d'autore sono libri, siti Internet, blog, fotografie,  
film, video, canzoni, e altre opere audio e video. Anche il software è  
protetto dal diritto d'autore, ma, come verrà spiegato in seguito (vd.  
domanda specifica, ndt), non è opportuno utilizzare le licenze Creative  
Commons per il software.
Il presupposto fondamentale per potere concedere un’ opera tramite licenza  
Creative Commons è di essere certi di avere la legittimazione giuridica per  
farlo. Questo può accadere in due casi: 1) essere titolari di tutti i  
diritti concessi con la licenza; 2) avere ottenuto una esplicita  
autorizzazione scritta dal titolare dei diritti. Tale presupposto va  
attentamente verificato, specie con riferimento ai casi in cui sull’opera  
concessa in licenza sussistono sia diritti d’autore, sia diritti connessi  
al diritto d’autore (artisti interpreti esecutori produttore enti  
radiotelevisivi….).
Le licenze Creative Commons danno la possibilità di definire i modi in cui  
gli altri possono effettuare attività relative all'opera - come ad esempio  
copiare la tua opera, realizzare opere derivate, distribuire l'opera e/o  
farne un uso commerciale. Non ti danno la possibilità di regolare gli usi  
permessi da eccezioni o limitazioni al diritto d'autore né danno la  
possibilità di regolare l'uso di ciò che non è protetto dal diritto  
d'autore, come ad esempio fatti e idee.
Le licenze Creative Commons sono allegate all'opera e autorizzano chiunque  
venga in contatto con l'opera ad usarla secondo le disposizioni della  
licenza. Questo significa che se Tizio ha una copia di una tua opera  
soggetta ad una licenza Creative Commons, Tizio può darne una copia a Caia,  
e Caia sarà autorizzata a usare l'opera secondo le disposizioni della  
particolare licenza Creative Commons. Come risultato, avrai quindi due  
diversi accordi di licenza con Tizio e Caia.
Le licenze Creative Commons sono espresse in tre diversi formati: i Commons  
Deed (una sintesi del contratto comprensibile a chiunque); il Legal Code  
(l’intero contratto espresso in linguaggio tecnico-giuridico); e i metadati  
(leggibili solo dai computer).
E' molto importante capire che le licenze Creative Commons sono “non  
esclusive”. Ciò significa che puoi permettere a chiunque di usare le tue  
opere con una licenza Creative Commons e stipulare un altro accordo di  
licenza non esclusivo con qualcun altro. Puoi anche concedere una licenza  
esclusiva avente ad oggetto i diritti che non avevi concesso tramite la  
licenza Creative Commons da te utilizzata (per esempio, se rilasci le tue  
opere con clausola non-commercial, puoi in un secondo momento negoziare un  
accordo esclusivo ad-hoc con una discografica per lo sfruttamento  
commerciale).
4) Cosa devo considerare prima di applicare una licenza Creative Commons  
alla mia opera? Abbiamo preparato un documento ([link]) che contiene alcuni  
punti su cui è opportuno riflettere prima di adottare una licenza Creative  
Commons.
5) Quale licenza Creative Commons devo scegliere?
Devi scegliere la licenza Creative Commons che preferisci. La licenza  
indica i diritti e le facoltà che concedi agli altri sulla tua opera;  
quindi, è importante che tu scelga la licenza che ritieni più adatta. Puoi  
trovare un riassunto delle licenze qui:  
http://creativecommons.org/license/meet-the-licenses/. Inoltre, sul nostro  
sito puoi trovare informazioni su come le nostre licenze sono state  
applicate a testi, musica, ad immagini, video e a prodotti didattici.
Puoi anche partecipare alle nostre discussioni via e-mail e/o leggere gli  
archivi delle discussioni per vedere se la nostra comunità è in grado di  
rispondere - o ha già risposto - alle tue domande e ai tuoi dubbi. INSERIRE  
LINKS ALLE LISTE DI DISCUSSIONE Infine, puoi anche chiedere il parere di un  
avvocato sulla miglior licenza per la tua opera. Per informazioni su come  
trovare un avvocato qualificato, ti preghiamo di fare riferimento alla  
relativa domanda più avanti.
6) E se cambio idea?
Le licenze Creative Commons non sono in linea di principio revocabili nei  
confronti dei licenziatari, in quanto i diritti sono concessi per tutta la  
durata del diritto d’autore applicabile. Ciò significa che non puoi  
impedire a chi ha ottenuto un'opera soggetta ad una licenza Creative  
Commons di usarla secondo i termini della licenza. Puoi smettere di  
distribuire l'opera con licenza Creative Commons quando vuoi. Tutti i  
licenziatari, però, che fino a quel momento hanno ricevuto l’opera in  
licenza, continueranno a godere dei diritti da questa concessi, incluso  
quello di distribuire l’opera a terzi sulla base della medesima licenza.  
Quando scegli una licenza Creative Commons, devi quindi riflettere  
attentamente ed assicurarti che per te sia accettabile il fatto che tutti  
possano usare la tua opera secondo i termini della licenza scelta, anche se  
dovessi cessare in un momento successivo di distribuire l'opera con una  
licenza Creative Commons.
7) Devo firmare qualcosa o registrarmi per utilizzare le licenze Creative  
Commons?
Non devi registrarti a nessun sito né a circoli o associazioni per  
utilizzare le licenze Creative Commons. Le licenze Creative Commons sono  
state progettate per essere utilizzate attraverso l’uso del logo Creative  
Commons, della dicitura "Some rights reserved" e della dichiarazione del  
fatto che l'opera è distribuita con licenza Creative Commons.
Con riferimento al diritto italiano, la trasmissione dei diritti di  
utilizzazione dell’opera deve essere provata per iscritto. La valutazione  
di cosa si intenda per “prova scritta” compete di volta in volta  
all’eventuale giudice che fosse chiamato a pronunciarsi al riguardo: allo  
stato, vi sono pareri discordi sul valore di “prova scritta” del documento  
elettronico non firmato digitalmente. L’eventuale difficoltà probatoria si  
porrebbe per il licenziatario che dovesse dimostrare di avere acquisito i  
diritti concessi con la licenza Creative Commons a fronte di una  
dichiarazione in senso contrario del licenziante, e non per il licenziante.  
Creative Commons non tiene traccia né registra le opere licenziate con le  
sue licenze. Creative Commons si limita a fornire le licenze, i codici e  
gli strumenti perché tu possa utilizzarle. 8) Cosa sono i Commons Deed?  
Cos'è il Legal Code? Cosa fa il codice html/metadati? Le licenze Creative  
Commons sono espresse in tre diversi formati: i Commons Deed (una sintesi  
del contratto comprensibile a chiunque); il Legal Code (l’intero contratto  
espresso in linguaggio tecnico-giuridico); e i metadati (leggibili solo dai  
computer).
I Commons Deed sono un riassunto dei termini chiave della licenza (che è  
costituita dal Legal Code) - praticamente, cosa gli altri possono e non  
possono fare con l'opera. Pensa ai Commons Deed come ad una  
versione "user-friendly" del Legal Code. I Commons Deed da soli non hanno  
valore legale e il loro contenuto non appare nel testo della licenza vera e  
propria.
Il Legal Code è la licenza vera e propria; il documento giuridicamente  
vincolante tra le parti. I metadati descrivono gli elementi chiave della  
licenza, applicando all'opera un codice che la rende ricercabile dai motori  
di ricerca abilitati (http://creativecommons.org/find/). 9) Suono in un  
gruppo; posso usare le licenze Creative Commons e insieme percepire le  
royalty per il diritto di pubblica esecuzione ?
Dipende: nel caso in cui tu abbia scelto una licenza che preveda  
l'opzione "NonCommerciale", e l’esecuzione pubblica ha invece finalità  
commerciali, tale esecuzione non è autorizzata dalla licenza Creative  
Commons prescelta e potrà avvenire soltanto previa tua autorizzazione, che  
potrà essere a titolo oneroso o gratuito, a tua scelta. Grazie alle licenze  
“Non Commerciali” puoi riservarti il diritto di percepire le royalty per  
l'uso commerciale della tua opera. Dal punto di vista pratico, però,  
l'effettiva possibilità di questi usi dipende dalle specifiche norme  
applicabili (vedi la domanda successiva). 10) Sono associato ad una società  
di gestione collettiva, posso usare le licenze Creative Commons? Devi  
verificarlo con la tua società di gestione collettiva. Attualmente, molte  
delle società di gestione collettiva in Australia, Finlandia, Francia,  
Germania, Italia, Lussemburgo, Spagna, Taiwan e Olanda richiedono il  
trasferimento dei diritti (o quello che in Francia è chiamato "mandato" che  
di fatto ha lo stesso effetto del trasferimento) per le opere presenti e  
future (così che sono loro stesse a diventare i titolari di questi diritti)  
e li gestiscono per tuo conto. Perciò, se sei un membro delle società di  
gestione collettiva di tali paesi, è possibile che tu non possa utilizzare  
le licenze Creative Commons per distribuire le tue opere.
SPAZIO PER SIAE
Creative Commons sta cercando di discutere con le società di gestione  
collettiva degli stati dove questo problema sussiste per cercare di trovare  
una soluzione che permetta agli autori di usare entrambi i sistemi. Se la  
tua appartenenza ad una società di gestione collettiva ti crea problemi per  
usare le licenze Creative Commons, e tale società non è presente  
nell'elenco di cui sopra, ti preghiamo di informare il gruppo Creative  
Commons del tuo paese (http://www.creativecommons.org/worldwide/) o  
scrivere una e-mail a info a creativecommons.org. Inoltre, se vuoi saperne di  
più sul modo migliore per gestire la tua situazione nel tuo stato, contatta  
il gruppo Creative Commons locale  
(http://www.creativecommons.org/worldwide/). Se sei già un membro di una di  
queste società di gestione collettiva, incoraggiala a darti la possibilità  
di utilizzare le licenze Creative Commons.
11) Posso comunque guadagnare da un'opera rilasciata con licenza Creative  
Commons? Senza dubbio.
In primo luogo, si consideri che la licenza sull’opera è gratuita, ma  
l’accesso all’opera medesima potrebbe essere a pagamento. L’opera che viene  
concessa con licenza Creative Commons a titolo gratuito può essere  
contenuta su un supporto che può essere messo in vendita (e non ceduto  
gratuitamente); l’opera può essere resa disponibile in una sezione  
riservata di un sito internet, cui si accede dietro il pagamento di un  
corrispettivo; l’accesso ad un concerto dove vengono eseguite musiche in  
licenza CC può avvenire dietro il pagamento di un corrispettivo.
Inoltre, le nostre licenze sono non esclusive, il che significa che non sei  
costretto a rilasciare la tua opera unicamente con una licenza Creative  
Commons; puoi adottare anche altri tipi di licenze che ti permettano di  
ottenere dei compensi dall'utilizzo dell'opera. Uno dei nostri scopi  
principali è quello di incoraggiare le persone a sperimentare nuovi modi di  
promuovere e diffondere le proprie opere. In terzo luogo, l'opzione "Non  
commerciale" è uno strumento creato per permettere alle persone di  
massimizzare la distribuzione del proprio lavoro mantenendo il controllo  
sui relativi aspetti commerciali. Occorre chiarire un punto spesso  
frainteso: "uso non commerciale" è una condizione che vincola coloro che  
usano la tua opera, non te (il titolare dei diritti oggetto della licenza).  
Quindi se scegli di rilasciare il tuo lavoro con una licenza Creative  
Commons che prevede l'opzione "Non commerciale", imponi la condizione "Non  
commerciale" agli utilizzatori della tua opera (licenzatari). In ogni caso,  
tu, il creatore e/o titolare dei diritti sull'opera licenziata, puoi in  
ogni momento decidere di usarla commercialmente. Chi volesse copiare o  
adattare la tua opera "in una maniera tale che sia prevalentemente intesa o  
diretta al perseguimento di un vantaggio commerciale o di un compenso  
monetario privato", deve prima ottenere la tua esplicita autorizzazione.
12) Devo registrare la mia opera?
Nella maggior parte delle giurisdizioni, la registrazione non è richiesta.  
Negli Stati Uniti, però, è possibile ottenere una registrazione, ed è  
consigliabile per far valere il proprio diritto d'autore in giudizio.  
Consigliamo quindi a chi opera negli Stati Uniti di leggere la  
pagina "Copyright basics" (http://www.copyright.gov/circs/circ1.html#cr)  
del U.S. Copyright Office, che dà ulteriori informazioni riguardo la  
registrazione.
La medesima osservazione vale per l’Italia: non è necessario adempiere ad  
alcuna formalità costitutiva perché sorgano i diritti in capo all’autore  
dell’opera. Ciononostante, può essere utile a fini probatori registrare o  
comunque precostituire in qualche modo una dimostrazione che dia atto della  
creazione dell’opera ad una certa data. In questa delicata materia, vanno  
seguiti i consigli di un legale esperto del settore. Tra le prassi diffuse  
si segnalano le seguenti: apporre un timbro postale sulla busta sigillata  
che contiene un esemplare dell’opera (cosiddetta “spedizione in corso  
particolare”), apporre una firma digitale ed una marca temporale su una  
versione digitale dell’opera (vi sono anche inziative di soggetti privati  
come Copyzero che forniscono questo servizio a coloro che non sono dotati  
di firma digitale), depositare l’opera presso un Notaio, oppure utilizzare  
l’apposito registro per le opere inedite tenuto dalla SIAE. Tale registro,  
così come tutte le altre modalità di registrazione o deposito, ha finalità  
probatorie e non costitutive del diritto d’autore. Il deposito delle opere  
può avvenire anche da parte di soggetti non iscritti alla SIAE e, comunque,  
non è richiesto dalla legge ai fini della protezione dell’opera, che viene  
garantita anche in assenza di qualsiasi deposito.
Maggiori informazioni per l’Italia possono essere reperite presso il  
seguente Sito Internet:  
http://www.siae.it/Olaf_doi.asp?click_level=1300.0200&link_page=Olaf_DOI_PercheDepositare.htm
13) Come posso registrare mio diritto d'autore?
Se operi negli Stati Uniti, per avere più informazioni riguardo alle  
modalità di registrazione del tuo diritto d'autore, fai riferimento alla  
pagina "Copyright basics" (http://www.copyright.gov/circs/circ1.html#cr)  
del U.S. Copyright Office.
Per l’Italia, si veda risposta alla domanda precedente.
14) Applicare una licenza Creative Commons è la stessa cosa o costituisce  
un'alternativa alla registrazione del diritto d'autore sulla mia opera?
No. Applicare una licenza Creative Commons alla tua opera non ti fornisce  
la stessa protezione, né una protezione simile, né costituisce  
un'alternativa alla registrazione o comunque alla tutela del diritto  
d'autore. Le licenze Creative Commons agiscono in aggiunta e sulla base del  
diritto d'autore già esistente e non servono a tutelare l’opera o a  
dimostrarne la paternità, ma a farla circolare e renderla disponibile e  
utilizzabile dai terzi.
15) Le licenze Creative Commons hanno effetti sulle eccezioni e limitazioni  
al diritto d'autore? No. Tutte le giurisdizioni permettono alcuni tipi di  
usi - che variano da stato a stato - di materiale coperto da diritto  
d'autore senza il permesso del titolare dei diritti, come ad esempio il  
diritto di citazione, il diritto di cronaca, di parodia. Questi usi non  
dipendono dalla licenza e per questo non sono in alcun modo influenzati  
dalla licenza stessa. Per chiarire meglio questo aspetto, tutte le nostre  
licenze contengono una clausola di questo tipo: "La presente Licenza non  
intende in alcun modo ridurre, limitare o restringere alcun diritto di  
libera utilizzazione o l'operare della regola dell'esaurimento del diritto  
o altre limitazioni dei diritti esclusivi sull'Opera derivanti dalla legge  
sul diritto d'autore o da altre leggi applicabili". Quindi, a prescindere  
dalla giurisdizione in cui ci si trova, le nostre licenze non hanno effetti  
sul diritto ad usare o a permettere utilizzi dell'opera ai sensi delle  
eccezioni previste dal diritto d'autore. 16) Posso usare le licenze  
Creative Commons per il software?
Le licenze Creative Commons non sono state studiare per il software e non  
dovrebbero essere usate in tal senso. Vi incoraggiamo ad usare una delle  
ottime licenze per il software oggi disponibili. Se l'opera da licenziare è  
software o documentazione per il software è bene valutare le licenze messe  
a disposizione dalla Free Software Foundation (http://www.fsf.org/) o  
elencate dalla Open Source Initiative (http://www.opensource.org/). A  
differenza delle nostre licenze - che non menzionano codice sorgente o  
eseguibili - queste licenze sono state studiate appositamente per il  
software. Creative Commons ha "confezionato" alcune delle licenze Free  
Software/Open Source Software aggiungendovi i Commons Deed e dei metadati,  
nel caso tu voglia comunque usare la versione leggibile della licenza e  
sfruttare i motori di ricerca specifici per le opere licenziate con  
Creative Commons. Puoi trovare ulteriori dettagli qui:  
http://creativecommons.org/license/cc-gpl.
17) E' opportuno usare le licenze Creative Commons per la documentazione  
software? Sicuramente sì. Le licenze Creative Commons vanno benissimo per  
tutti i tipi di opere letterarie. 18) Cosa succede quando il proprietario  
di un'opera rilascia la sua opera con due diverse licenze Creative Commons?
Come utilizzatore, puoi scegliere se utilizzare una o l'altra licenza. Le  
licenze sono state concepite per presentare già le diverse combinazioni  
possibili tra le varie clausole: si sconsiglia l’uso di due licenze  
contemporaneamente, in quanto non sembra rispondere a nessuna specifica  
esigenza. In generale, un titolare dei diritti che rilascia la stessa opera  
con due licenze diverse lascia agli utilizzatori la scelta tra di esse. Se,  
ad esempio, una fotografia è rilasciata con una licenza che contiene una  
clausola "Non commerciale", più una licenza separata con una clausola "Non  
opere derivate", non significa che entrambe le clausole vengano applicate  
congiuntamente. Se il proprietario di un'opera vuole applicare entrambe le  
licenze insieme, dovrebbe scegliere una singola licenza che contenga  
entrambe le clausole.
19) Le licenze Creative Commons sono efficaci in giudizio?
Si veda quanto già osservato nella domanda 7) “Devo firmare qualcosa o  
registrarmi per utilizzare le licenze Creative Commons?”
Il Legal Code delle licenze Creative Commons è stato progettato con  
l'intenzione di essere efficace in giudizio. Ciò detto, non siamo in grado  
di considerare tutte le sfumature delle varie normative sul diritto  
d'autore in tutti i paesi del mondo, o delle circostanze in cui le opere  
rilasciate con licenze Creative Commons sono usate, né tantomeno di  
garantire la validità e l’efficacia delle licenze in qualsiasi Paese del  
mondo. Ti preghiamo di notare, comunque, che le nostre licenze contengono  
una previsione in base alla quale, se una clausola risulta nulla o  
inefficace alla luce della legge applicabile in un certo Paese, la restante  
parte della licenza continua spiegare i propri effetti (a meno che si  
dimostri che le parti non avrebbero concluso il contratto, se avessero  
saputo della nullità di tale clausola).
20) Creative Commons mi aiuterà a far valere i miei diritti?
Creative Commons non fornisce pareri legali o servizi legali allo scopo di  
assisterti nel far valere i tuoi diritti. La nostra missione non include la  
fornitura di questi servizi. Non siamo uno studio legale. Siamo più simili  
ad un servizio grazie al quale si può autonomamente ottenere -  
gratuitamente - della modulistica, da usare nel modo che ritieni più  
opportuno. Comunque, se risiedi negli Stati Uniti, puoi trovare un avvocato  
adatto tra i tanti volontari elencati su questa pagina:  
http://www.starvingartistlaw.com/help/volunteer%20lawyers.htm). Se risiedi  
in Australia, l'Arts Law Centre of Australia (http://www.artslaw.com.au)  
può aiutarti a metterti in contatto con un avvocato volontario.
In Italia puoi rivolgerti al Servizio Licenze Libere offerto dal  
Politecnico di Torino col supporto della Regione Piemonte  
(http://selili.polito.it). Se hai i requisiti previsti, potrai usufruire  
d'un servizio gratuito d'informazione e, eventualmente, di consulenza.
21) Cosa succede se qualcuno abusa della mia opera rilasciata con una  
licenza Creative Commons? Le licenze Creative Commons cessano  
immediatamente di essere efficaci nei confronti di colui che utilizza  
l'opera in violazione dei termini delle licenze medesime. Questo significa  
che se una persona utilizza la tua opera rilasciata usando una licenza  
Creative Commons e - per esempio - non attribuisce la paternità dell'opera  
nel modo che tu hai scelto, non ha più il diritto di utilizzare la tua  
opera. Questo si applica unicamente in relazione alla persona che viola la  
licenza; non si applica a tutte le persone che utilizzano la tua opera in  
modo corretto.
Hai a disposizione diverse opzioni per assicurarti che la licenza venga  
rispettata; puoi per esempio contattare la persona e chiedere di  
rettificare la situzione e/o puoi decidere di consultare un avvocato che  
agisca per tuo conto. Per informazioni su come puoi trovare un avvocato  
adatto, fai riferimento alla domanda "Creative Commons mi aiuterà a far  
valere i miei diritti?". 22) Non mi piace il modo in cui una persona ha  
usato la mia opera come base di un'opera derivata o all'interno di un'opera  
collettiva; cosa posso fare?
Se non ti piace il modo in cui una persona ha usato la tua opera per fare  
un'opera derivata o l'ha inclusa in un'opera collettiva, ai sensi della  
licenza Creative Commons, puoi contattare l'autore dell'opera e chiedere  
che il tuo nome venga rimosso dall'opera derivata o collettiva. Inoltre, le  
leggi di diritto d'autore in molte giurisdizioni nel mondo (con la notevole  
eccezione degli Stati Uniti) riconoscono agli autori i "diritti morali",  
che possono costituire un rimedio in caso siano compiuti atti a danno  
dell’opera (quali deformazione, mutilazione o ogni altra modificazione),  
che siano di pregiudizio all’onore e alla reputazione dell’autore. Tutte le  
licenze Creative Comons (con l'eccezione del Canada) lasciano i diritti  
morali intatti. Questo significa che l'autore originale può essere in grado  
di agire nei confronti dell'autore di un'opera derivata che viola i diritti  
morali spettanti all’autore. Ovviamente, non tutte le opere derivate che  
non piacciono ad un autore possono essere considerate lesive dei diritti  
morali a questo spettanti.
Domanda per persone che stanno pensando di utilizzare un’opera rilasciata  
con una licenza Creative Commons
23) E' Creative Commons a darmi il permesso di usare un'opera?
Noi non diamo alcun permesso. Creative Commons rende semplicemente  
disponibili le licenze e gli strumenti per permettere ad autori e  
licenzianti di rilasciare le loro opere a condizioni più flessibili.  
Applicando una licenza Creative Commons all'opera, l'autore o il  
licenziante decidono di segnalare in modo chiaro a tutti i possibili  
utilizzatori, come te, che puoi utilizzare l'opera senza dover chiedere il  
permesso - a condizione che l'opera venga usata nei termini nella licenza.  
24) E' Creative Commons a decidere quali contenuti sono rilasciati con le  
sue licenze?
Creative Commons, come organizzazione, non controlla il modo in cui le  
licenze sono utilizzate e non controlla né verifica se una licenza Creative  
Commons è stata correttamente applicata ad una certa opera. Creative  
Commons non avalla né certifica nessun uso delle sue licenze, né tantomeno  
garantisce la loro validità o efficacia.
Creative Commons fornisce le licenze come strumento che può essere adottato  
o meno. Creative Commons non stabilisce se l'uso delle licenze è  
appropriato per la tua situazione o per una particolare opera. 25) Quali  
sono le clausole di una licenza Creative Commons?
I termini chiave delle principali licenze Creative Commons sono:  
Attribuzione, Non commerciale, Non opere derivate, e Condividi allo stesso  
modo. Gli elementi di queste licenze possono essere brevemente definiti  
come segue:
Attribuzione: devi specificare l'autore o il titolare dei diritti oggetto  
della licenza nel modo da loro specificato Non commerciale: non puoi  
utilizzare l'opera con lo scopo primario di ottenere un compenso o vantaggi  
commerciali Non opere derivate: puoi solo fare copie esatte dell'opera, non  
puoi adattarla né cambiarla Condividi allo stesso modo: puoi creare opere  
derivate solo se le rilasci agli stessi termini di licenza Per una  
panoramica delle nostre licenze e per i link ai Commons Deed e al Legal  
Code, guarda questa pagina:  
http://creativecommons.org/license/meet-the-licenses. Per le  
caratteristicheprincipali della nostra Sampling License, guarda questa  
pagina: http://creativecommons.org/about/sampling. 26) Quindi "Non  
commerciale" significa che l'opera non può essere usata commercialmente? La  
clausola "Non commerciale" sta a significare che in base alla licenza  
Creative Commons non viene concesso il diritto di sfruttare commercialmente  
l'opera. Puoi sempre contattare direttamente il titolare dei diritti dati  
in licenza per verificare se è possibile ottenere il permesso di usare  
l'opera commercialmente. 27) Cosa significa il pulsante "Some rights  
reserved" di Creative Commons? Cosa fa una licenza Creative Commons?
Una licenza Creative Commons serve a segnalare che puoi usare l'opera senza  
dover cercare l'autore o il titolare dei diritti oggetto della licenza, e  
chiedere il permesso - a condizione che usi l'opera nei modi previsti dalla  
particolare licenza Creative Commons. I Commons Deed indicano i termini  
principali che governano l'uso dell'opera. 28) Cosa succede se voglio fare  
un uso diverso dell'opera?
Se vuoi usare un'opera rilasciata con una licenza Creative Commons in un  
modo non permesso dalla licenza, devi contattare l'autore e/o il  
licenziante e chiedere il loro permesso. Se utilizzi un'opera rilasciata  
con licenza Creative Commons in modo contrario ai termini della licenza, il  
tuo diritto all'utilizzo cessa e potresti essere citato in giudizio per  
violazione del diritto d'autore.
29) Quindi non devo pagare per usare un'opera rilasciata con Creative  
Commons, a patto di rispettarne i termini?
Con riferimento ai diritti espressamente concessi dalla licenza, come  
regola generale la risposta è sì - le opere rilasciate con le licenze  
Creative Commons sono rilasciate a titolo gratuito.
Esistono però dei casi in cui le legislazioni nazionali riservano a favore  
dei titolari dei diritti d’autore o dei titolari di diritti connessi dei  
compensi non rinunciabili: in questi casi, anche se tali facoltà sono  
concesse e menzionate espressamente con la licenza, sarà necessario  
provvedere al pagamento di tali compensi.
30) Cosa devo fare per utilizzare un'opera rilasciata con Creative Commons?  
Se ti imbatti in un'opera rilasciata secondo i termini di una licenza  
Creative Commons, sei autorizzato ad utilizzarla secondo i termini della  
licenza in oggetto. Per quanto riguarda la legislazione italiana,  
richiamiamo quanto sopra indicato a proposito dell’idoneità del documento  
informatico a costituire “prova scritta” nella trasmissione di diritti di  
utilizzazione economica (cfr. punto 7). Devi prima accertarti che la  
licenza ti permetta gli usi che hai in mente. Poiché esistono varie licenze  
Creative Commons, devi leggere attentamente la specifica licenza, per  
assicurarti che essa corrisponda alle tue necessità. Tutte le licenze  
Creative Commons richiedono che si specifichi l'autore, il titolare dei  
diritti oggetto della licenza e/o tutte le altre parti indicate  
dall'autore/titolare dei diritti oggetto della licenza. Per usare  
correttamente un'opera soggetta ad una licenza Creative Commons, è  
necessario che tu adempia correttamente a tali obblighi, come spiegato  
nella risposta che segue. Per capire quali sono i termini chiave della  
licenza, controlla i Commons Deed per la licenza e/o leggi questa pagina:  
http://creativecommons.org/license/meet-the-licenses/, che contiene i link  
ai Commons Deed e una spiegazione introduttiva di tutte le nostre licenze.  
31) Utilizzare un'opera rilasciata con licenza Creative Commons mi fornisce  
tutti diritti di cui ho bisogno?
La licenza fornisce tutti i diritti che sono espressamente indicati nel  
testo della licenza, il “Legal Code”: sulla base delle regole che  
disciplinano i contratti di trasferimento dei diritti d’autore  
nell’ordinamento italiano, le facoltà e i diritti che non sono  
esplicitamente menzionati e, comunque, che non sono inclusi nell’oggetto e  
tra le finalità della licenza, rimangono in capo al legittimo titolare e  
non vengono trasferiti al licenziatario.
Di conseguenza, è importante agire in modo prudente e informato, e, in caso  
di dubbi, considerare la possibilità di rivolgersi ad un legale di fiducia  
per chiarimenti.
32) Qual è il modo giusto di attribuire un'opera rilasciata con Creative  
Commons? Se stai usando un'opera rilasciata con una delle licenze Creative  
Commons (Attribuzione, Attribuzione-Condividi allo stesso modo,  
Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo, Attribuzione-Non  
commerciale, Attribuzione-No opere derivate, Attribuzione-Non  
commerciale-No opere derivate (quest'ultima è nota anche come licenza Music  
Sharing), allora il modo giusto per attribuire l'opera quando la usi senza  
modifiche è: (1) mantenere integro ogni riferimento al diritto d'autore  
sull'opera; (2) indicare l'autore, il titolare dei diritti oggetto della  
licenza e/o le altre parti (come ad esempio un wiki o un blog) nel modo in  
cui essi stessi specificano (3) il titolo dell'opera; e (4) l'URI per  
l'opera se specificato dall'autore e/o dal titolare dei diritti oggetto  
della licenza. E' anche necessario che tu fornisca, insieme ad ogni copia  
dell'opera, l'URI per la licenza Creative Commons che si applica all'opera  
stessa
Se stai realizzando un'opera derivata da un'opera rilasciata con una delle  
nostre licenze principali, oltre a quanto già detto sopra, devi indicare  
che la tua è un'opera derivata, ad esempio "Questa è la traduzione in  
Finlandese dell'opera X di Y", oppure "Copione basato su X di Y". Se stai  
realizzado un'opera derivata campionando un'opera rilasciata con una delle  
nostre licenze per il sampling, devi indicarlo sull'opera derivata che  
realizzi utilizzando quei "sample", con una dicitura simile a "Remix  
dell'opera X di Y" o "Una parte dell'opera X di Y è stata inserita". 33)  
Cos'è un'opera derivata?
Un'opera derivata si basa su un'opera alla quale vengono apportate  
modifiche e integrazioni che la trasformano in un’opera diversa, da cui sia  
comunque riconoscibile l’opera originaria. L’opera derivata è basata su  
un'altra opera ma non è un copia esatta di quest'ultima. Una traduzione da  
una lingua ad un'altra o una versione su pellicola di un libro sono esempi  
di opere derivate. Ai sensi delle principali licenze Creative Commons, la  
sincronizzazione di musica e immagini è considerata un'opera derivata.
E' importante notare, in ogni caso, che le licenze Creative Commons - anche  
le licenze contenenti l'opzioni "Non opere derivate" - permettono  
all'utente di esercitare i diritti concessi dalla licenza in ogni formato e  
con ogni mezzo. Questo significa che, secondo la licenza Creative Commons  
Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate, per esempio, puoi  
trasformare l'opera da un formato digitale ad una stampa. 34) Se uso  
un'opera rilasciata con una licenza Creative Commons con altre opere, devo  
licenziare tutto con una licenza Creative Commons?
Ad eccezione di quelle licenze che contengono la clausola "Condividi allo  
stesso modo", le licenze Creative Commons non richiedono che l'intera opera  
derivata sia rilasciata con una licenza Creative Commons: nell’ambito  
dell’intera opera dovrà comunque essere rilasciata tramite licenza Creative  
Commons o altra di effetto equivalente quell’opera il cui utilizzo è  
avvenuto in forma di licenza Creative Commons. Abbiamo progettato le  
licenze Creative Comons in modo che la combinazione di opere soggette a  
tali licenze con altre opere non renda anche queste ultime soggette alle  
licenze Creative Commons.
Tuttavia, se combini un'opera soggetta ad una licenza Creative Commons che  
contiene la clausola "Condividi allo stesso modo" con un'altra opera,  
realizzando ad esempio un’opera derivata, per la natura stessa della  
clausola, anche l’intera opera che ne risulta dovrà essere rilasciata  
secondo gli stessi termini della licenza dell'opera rilasciata con la  
licenza Creative Commons che contiene la clausola "Condividi allo stesso  
modo".
Tale clausola non opera per le Collezioni di opere, cioè quelle opere  
costituite dalla riunione di opere, che hanno carattere di creazione  
autonoma, come risultato della scelta e del coordinamento a un determinato  
fine letterario, scientifico, didattico, religioso, politico o artistico  
(es. enciclopedie, dizionari, giornali, antologie….) Se includi un'opera  
soggetta ad una licenza Creative Commons in una Collezione di opere (ad  
esempio, un'antologia di opere nella loro forma originaria), allora è  
necessario applicare la specifica licenza Creative Commons unicamente a  
quella particolare opera (anche se l'opera è rilasciata con una licenza che  
contiene la clausola "Condividi allo stesso modo"). Non è necessario che tu  
applichi la licenza all'intera raccolta.
35) Posso combinare due opere licenziate con diverse licenze Creative  
Commons? Posso combinare un'opera rilasciata con Creative Commons con altre  
non Creative Commons? In generale, sì; puoi combinare più opere licenziate  
con diverse licenze Creative Commons. Ciò a cui devi prestare attenzione  
sono le licenze Creative Commons che contengono la clausola "Condividi allo  
stesso modo" (ad esempio, la Attribuzione-Condividi allo stesso modo, o la  
Attribuzione-Condividi allo stesso modo-Non commerciale). Queste licenze  
richiedono che l'opera derivata (ad esempio, il risultato di due opere  
combinate) venga rilasciata sotto gli stessi termini di licenza. Quindi non  
puoi combinare un'opera rilasciata con una licenza Attribuzione-Condividi  
allo stesso modo con un'opera licenziata con una licenza  
Attribuzione-Condividi allo stesso modo-Non commerciale. Se combini  
un'opera rilasciata con una licenza che contiene la clausola "Condividi  
allo stesso modo", è necessario assicurarsi di poter licenziare l'opera  
derivata alle stesse condizioni di quella originaria. 36) Ho usato parte di  
un'opera rilasciata con Creative Commons, con quale licenza Creative  
Commons posso licenziare la mia opera?
La tabella che segue ti aiuta a capire quali licenze puoi usare per  
licenziare la tua opera derivata. Alcune delle nostre licenze non sono  
compatibili l'una con l'altra.
Nella tabella che segue le celle scure indicano le licenze che possono  
essere usate senza problemi per rilicenziare un'opera rilasciata con la  
licenza indicata all'inizio di ogni riga. Per vedere quale licenza può  
essere utilizzata per rilicenziare opere rilasciate con licenze multiple,  
individua le colonne scure di ogni licenza. Quindi, per esempio, se usi  
un'opera rilasciata con una licenza Attribuzione-Non commerciale, potresti  
rilicenziarla con un'altra licenza Attribuzione-Non commerciale o una  
licenza a scelta tra Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso  
modo, Attribuzione-Non commerciale-No opere derivate e  
NonCommercial-SamplingPlus.
[tabella qui] Il grafico di cui sopra mostra solo quali licenze sono, dal  
punto di vista pratico, incompatibili. Non sostituisce una consulenza  
legale specifica e non deve essere considerata né valutata come tale. Devi  
verificare in modo autonomo quale licenza è adatta alle tue necessità e  
considerare i tuoi obblighi verso gli autori delle opere originarie.
Domande tecniche
37) Voglio dare agli utenti del mio sito l'opzione di scegliere le licenze  
Creative Commons; come faccio?
Puoi integrare il motore di selezione delle licenze Creative Commons  
all'interno del tuo sito. Questo può essere utile se hai un'applicazione o  
un sito che permette di inserire contenuti e vuoi dare la possibilità di  
applicare le licenze Creative Commons alle opere. Per una guida passo-passo  
all'integrazione del motore di selezione delle licenze all'interno di un  
sito vedi: http://creativecommons.org/technology/web-integration. Abbiamo  
anche delle API per i "web services" (http://api.creativecommons.org) che  
possono essere integrate all'interno della tua applicazione. 38) Perché  
Creative Commons ha scelto di usare il formato RDF per i propri metadati?  
Creative Commons ha cercato il modo migliore per esprimere gli obbiettivi  
sottostanti alle licenze in un formato leggibile dai computer. Riteniamo  
che il nostro sistema sia la migliore alternativa possibile: strumenti in  
grado di elaborare RDF, XML o anche il semplice testo possono facilmente  
processare i nostri file di metadati, che sono espressi in un formato  
strutturato. Ma così come gli strumenti XML rendono più facile processare  
le informazioni rispetto ai sistemi testuali, il formato RDF rende questa  
operazione ancor più semplice - per questo incoraggiamo i nostri  
sviluppatori ad usare RDF quando possibile. Stiamo anche lavorando con la  
comunità per fornire codice esemplificativo, in molti linguaggi di  
programmazione differenti, per mostrare quanto sia facile utilizzare le  
informazioni in formato RDF. Siamo anche disponibili a fornire strumenti in  
grado di convertire da RDF ad altri formati. Se hai uno di questi strumenti  
a disposizione o ne vorresti uno, ti preghiamo di inviarci informazioni in  
tal senso nella nostra mailing list dedicata ai metadati.
39) Come posso usare i metadati di Creative Commons nel mio programma? Puoi  
farlo in diversi modi. Un programma per disegnare, scrivere o dipingere può  
informare i suoi utenti del tipo di licenza scelto dall'autore del file. I  
programmi di file sharing possono evidenziare i file con licenze Creative  
Commons e incoraggiare gli utenti a scaricarli. In effetti, siamo convinti  
che il "file sharing" p2p sia uno strumento eccellente per diffondere le  
opere soggette ad una licenza Creative Commons, in special modo grossi file  
di musica, foto o video i cui autori potrebbero avere difficoltà - per  
carenza di banda o di strumenti specifici - a distribuire. I motori di  
ricerca potrebbero permettere agli utenti la scelta di cercare solo file  
con licenze che permettono determinati usi (come per esempio la ricerca di  
foto gatti da includere in un'opera non commerciale). Ci sono molti modi  
per avvantaggiarsi di queste informazioni e speriamo che la comunità dei  
nostri sviluppatori ci sorprenderà con nuovi utilizzi! 40) Preferisco usare  
un file PNG piuttosto che un file GIF, o viceversa. Come faccio? Forniamo i  
pulsanti di Creative Commons in entrambi i formati.
Domande riguardo all'utilizzo del logo Creative Commons 41) Dove posso  
procurarmi una versione ad alta risoluzione del logo Creative Commons? Puoi  
prendere la versione ad alta risoluzione dei loghi e dei pulsanti delle  
licenze Creative Commons qui: http://creativecommons.org/presskit. Creative  
Commons autorizza l'uso dei nostri loghi, del nome e dei pulsanti delle  
licenze solo a condizione di rispettare la relativa "policy":  
http://creativecommons.org/policies. 42) Voglio stampare magliette e  
adesivi con il logo Creative Commons; come funziona il tutto? Siamo felici  
del tuo entusiasmo per Creative Commons e della tua voglia di diffondere il  
nostro messaggio. Creative Commons autorizza l'uso dei nostri loghi, del  
nome e dei pulsanti delle licenze solo a condizione di rispettare la  
relativa "policy": http://creativecommons.org/policies, ad esempio per  
linkare al sito di Creative Commons, ad una licenza Creative Commons e/o  
per descrivere in qualsiasi modo una licenza Creative Commons che si  
applica ad un'opera.
Puoi sostenere Creative Commons e comprare magliette e adesivi attraverso  
il nostro negozio: http://creativecommons.org/support/store. Inoltre, sono  
disponibili filmati riguardo a Creative Commons, da scaricare qui:  
http://mirrors.creativecommons.org.
43) Voglio inserire i loghi di Creative Commons all'interno del mio sito,  
posso? Puoi certamente inserire i nostri loghi nel tuo sito, a patto che tu  
lo faccia rispettando la relativa "policy":  
http://creativecommons.org/policies). In pratica, autorizziamo l'uso del  
logo (che è poi il nome Creative Commons e la dicitura "CC" in un cerchio)  
per linkare al nostro sito; e i nostri pulsanti "Some rights reserved"  
e "No rights reserved" insieme ai nostri pulsanti per gli elementi delle  
licenze (il pulsante "Attribuzione", il pulsante "Non commerciale", ecc.)  
per linkare alle relative licenze. 44) Posso modificare i loghi di Creative  
Commons in modo da adattarli al mio sito o alla mia opera? Ti preghiamo di  
non cambiare i nostri loghi in modo da adattarli al tuo sito o alla tua  
opera. I nostri pulsanti "Some rights reserved" e "No rights reserved"  
devono essere usati così come sono perché costituiscono il nostro marchio  
ed una parte fondamentale del nostro sistema di "licensing". Puoi  
eventualmente usare i pulsanti per gli elementi delle licenze in bianco e  
nero, per segnalare che la tua opera o il tuo sito sono licenziati con la  
relativa licenza Creative Commons; tutto ciò è spiegato anche nella pagina  
relativa alle nostre "policy": http://creativecommons.org/policies.
Chi è Creative Commons
44) Creative Commons è contro il diritto d'autore?
Per nulla. Le nostre licenze ti aiutano a mantenere i diritti d'autore e  
gestirli in modo più flessibile e aperto. Di fatto, le nostre licenze si  
basano interamente sul diritto d'autore. La giustificazione per la  
protezione della proprietà intellettuale (secondo la legge americana,  
almeno) è la "promozione del progresso della scienza e delle arti utili".  
Anche noi vogliamo promuovere la scienza e le arti utili, e crediamo che  
aiutare autori e titolari del diritto d'autore a gestire in modo specifico  
l'esercizio del loro diritti secondo i loro bisogni aiuti ad ottenere  
precisamente questo scopo. 45) State costruendo un database di contenuti  
licenziati con le licenze Creative Commons? No, assolutamente. Crediamo  
nella Rete, non in una banca d'informazioni controllata da una singola  
organizzazione. Stiamo costruendo strumenti che permettano al web semantico  
di identificare e organizzare le opere licenziate in modo distribuito e  
decentralizzato. Non siamo nel business della raccolta dei contenuti, o in  
quello della costruzione di database di contenuti. A mero scopo  
esemplificativo e per dare un'idea di ciò che si può fare con le nostre  
licenze e con i metadati, sul nostro sito abbiamo fornito alcuni esempi per  
le opere testuali (http://creativecommons.org/text/), audio  
(http://creativecommons.org/audio/), immagini  
(http://creativecommons.org/image/), video  
(http://creativecommons.org/video/) e opere didattiche  
(http://creativecommons.org/education/). Di certo non si tratta di un  
catalogo completo di tutto ciò che può essere fatto con le licenze Creative  
Commons oggi, né è l'inizio di un database. Si tratta semplicemente di  
esempi di opere, in varie forme, che sono state licenziate con delle  
licenze Creative Commons. 46) Le opere rilasciate con Creative Commons sono  
immesse nel pubblico dominio? No, perché il titolare dei diritti oggetto  
della licenza non rinuncia a tutti i diritti sulla sua opera. Le licenze  
Creative Commons sono unicamente licenze di diritto d'autore che ti  
permettono di controllare il modo in cui le altre persone possono  
utilizzare la tua opera. 47) Cos'è Creative Commons?
Creative Commons è una "charitable corporation" stabilita nello stato del  
Massachussets, USA. I "project lead" delle giurisdizioni in cui è stato  
effettuato il porting delle licenze Creative Commons collaborano alla loro  
diffusione. Creative Commons International  
(http://creativecommons.org/worldwide/) e i "project lead" sono entità  
indipendenti e separate, benché entrambe collaborino per promuovere la  
diffusione delle licenze e degli strumenti Creative Commons. L'idea alla  
base di Creative Commons è che alcune persone potrebbero non voler  
esercitare tutti i diritti di proprietà intellettuale che la legge  
conferisce loro. Crediamo che esista una richiesta inascoltata di uno  
strumento facile ma affidabile per comunicare al mondo "Alcuni diritti  
riservati" o addirittura "Nessun diritto riservato". Molte persone pensano  
da tempo che il diritto d'autore in stile "Tutti i diritti riservati" non  
li aiuti ad ottenere la notorietà e e l'ampia distribuzione che vogliono.  
Molti imprenditori e artisti, per assicurarsi un ritorno dal loro  
investimento creativo, preferiscono affidarsi a modelli di business  
innovativi piuttosto che a un diritto d'autore forte. Altri ancora vogliono  
contribuire e partecipare al patrimonio intellettuale comune. Qualsiasi  
siano le ragioni, è chiaro che molti cittadini della Rete vogliono poter  
condividere le proprie opere - e il potere di riutilizzarle, modificarle o  
distribuirle - a condizioni meno restrittrive. Creative Commons intende  
aiutare le persone ad esprimere il loro desiderio di condivisione offrendo  
al mondo, gratuitamente, degli strumenti in tal senso. 48) Chi ha fondato  
Creative Commons?
Creative Commons è stata fondata nel 2001 dagli esperti di diritto della  
rete e proprietà intellettuale James Boyle, Michael Carroll, e Lawrence  
Lessig, dall'informatico dell'MIT Hal Abelson, dall'avvocato-documentarista  
regista-esperto di diritto della rete Eric Saltzman, e dall'editore web per  
il pubblico dominio Eric Eldred. Ricercatori e studenti al Berkman Center  
for Internet and Society della Harvard Law School hanno aiutato il progetto  
a decollare, per il primo anno di vita, durante il quale Creative Commons è  
stato ospitato e ha ricevuto il generoso supporto dalla Stanford Law School  
e dal Center for Internet & Society.
49) Quali sono i problemi che Creative Commons intende risolvere?
Con l'avvento della rivoluzione digitale e di Internet, è improvvisamente  
divenuto possibile distribuire opere in una varietà di formati di qualità  
molto alta, spesso professionale; è possibile collaborare anche tra  
contesti diversi; ed è possibile creare nuove opere, opere derivate o  
collettive ad un livello globale, in modo decentralizzato e ad un costo  
relativamente basso.
Ciò offre un'enorme e inedita opportunità per stimolare la creatività e la  
produzione di sapere. Più le persone sono interconnesse e comunicano, più  
diventa facile ottenere esattamente i contenuti di cui si ha bisogno, così  
come risolvere problemi grazie alla cooperazione resa possibile  
dall'interconnessione. La convergenza delle tecnologie e dei media crea  
anche molteplici possibilità per creare opere derivate - ad esempio, remix  
e mashup.
Un altro aspetto importante è che la globalizzazione non sta avendo luogo  
solo a livello aziendale: i suoi effetti possono essere osservati anche in  
diverse aree scientifiche e didattiche e in altri settori della società,  
dove sono comparsi nuovi modelli di cooperazione fruttuosa. L'enciclopedia  
gratuita Wikipedia e la comunità del software libero ed open source sono  
esempi di questi fenomeni socio-economici. Molte delle persone che  
contribuiscono a questi progetti non sono motivate dall'immediato desiderio  
di guadagno, ma dal desiderio di imparare, diventare conosciuti, e anche di  
aiutare altre persone. Lo svantaggio di questi eccitanti sviluppi e  
possibilità è che le nuove tecnologie possono essere usate per violare su  
scala massiccia il diritto d'autore e che molti consumatori, specialmente i  
più giovani, sembrano considerare normale il non tenere in considerazione  
le richieste, legali e legittime, dei creatori e dei produttori di  
contenuti di essere pagati per l'utilizzo delle proprie opere. I maggiori  
detentori di diritti d'autore hanno reagito con una strategia in quattro  
punti: (a) cercando di impedire il rilascio di nuove tecnologie che possano  
essere usate per scopi illeciti; (b) sviluppando strumenti che permettano  
di gestire i loro diritti con una precisione fino ad oggi sconosciuta e  
impensabile: il DRM e le protezioni tecnologiche contro la copia non  
autorizzata; (c) riuscendo a rinforzare queste misure tecnologiche  
rendendone illegale l'aggiramento; e (d) lanciando grandi campagne  
pubblicitarie con lo scopo di insegnare ai giovani che devono evitare di  
appropriarsi di opere coperte dal diritto d'autore. Queste reazioni sono  
comprensibili, benché spiacevoli. La nostra preoccupazione è che il loro  
effetto combinato sarà quello di soffocare le opportunità di utilizzare in  
modo diffuso le tecnologie digitali per incoraggiare la creatività, la  
collaborazione e la risoluzione dei problemi di cui sopra. Se autori e  
titolari dei diritti oggetto della licenza devono confrontarsi non solo con  
leggi complicate, ma anche con barriere tecnologiche, molti ignoreranno le  
regole o non eserciteranno la propria creatività. La nostra alternativa è  
quella di fornire ad autori e titolari di diritti oggetto della licenza un  
semplice modo per comunicare quali libertà vogliono associare alla propria  
opera. Ciò rende semplice la condivisione o la creazione di opere derivate.  
Rende possibile agli autori e ai licenzianti conservare alcuni diritti.  
Questa è fondamentalmente la nostra missione. Il diritto d'autore dà agli  
autori certi diritti. Vogliamo rendere semplice agli autori esercitare quei  
diritti in modo che gli altri possano capire i loro intenti. 50) Costa  
qualcosa utilizzare le licenze e gli strumenti Creative Commons? No,  
l'utilizzo è gratuito.
51) Chi sovvenziona Creative Commons?
Creative Commons è stata fondata grazie ad una cospicua donazione  
del "Center for the Public Domain" e riceve continue donazioni da parte  
della fondazione John D. e Catherine T. MacArthur, la fondazione Hewlett e  
l'Omidyar Network. Stiamo continuando il nostro impegno nel cercare  
donazioni da parte di qualsiasi altra fonte, tra cui fondazioni, privati e  
sovvenzioni statali. Nel caso in cui anche tu voglia supportare Creative  
Commons, ti preghiamo di consultare la pagina dedicata:  
http://creativecommons.org/support/. 52) A chi sono indirizzati i servizi  
offerti da Creative Commons?
Creative Commons aiuta non solo i creativi e gli utenti di contenuti  
creativi, ma anche l'interesse della collettività, che trae vantaggio da  
una più grande ed estesa collaborazione basata sull'uso di opere creative.  
Aiutiamo chiunque voglia tutelare il proprio lavoro in modo elastico,  
utilizzarlo in maniera creativa e trarre beneficio da tale simbiosi.  
Speriamo che in professori, studenti, scienziati, scrittori, fotografi,  
registi, musicisti, grafici, web designer, ma anche ascoltatori, scrittori  
e lettori, beneficino dell’utilizzo e della diffusione dei nostri strumenti.
53) Dove ha sede Creative Commons?
Creative Commons Corporation ha sede in Massachussetts, da cui dirige il  
lavoro di dipendenti e volontari distribuiti in tutto il globo. I  
principali uffici si trovano a San Francisco, Stati Uniti, nonché a Londra,  
nel Regno Unito.
54) Creative Commons ospita o possiede contenuti?
Il nostro compito principale è quello di aiutarti a tutelare il tuo lavoro,  
offrirti i mezzi per pubblicarlo nella maniera più semplice possibile ed  
indirizzarti verso esempi di contenuti soggetti a licenze Creative Commons  
a cui ispirarsi. Ti offriamo inoltre la possibilità di consultare lavori  
già licenziati, in modo da capire facilmente il sistema di "licensing".
In ogni caso, ospitiamo anche contenuti presso il suo sito ccMixter:  
http://ccmixter.org 55) Creative Commons è coinvolta nel Digital Rights  
Management (DRM)? No. Il nostro business è quello dell'espressione dei  
diritti digitali, non della loro gestione. I nostri strumenti rendono  
semplice la comunicazione di quali diritti si riserva l'autore. Ma non  
forniamo strumenti per far rispettare tali diritti. Il DRM sì. In aggiunta  
al fatto di esprimere i propri diritti in forma digitale, i sistemi di DRM  
forniscono la tecnologia necessaria a farli rispettare. Perché non usiamo  
la tecnologia per far rispettare i diritti? Ci sono troppe ragioni per  
essere descritte qui. Probabilmente la più comune è quella che la  
tecnologia non può gestire le eccezioni e limitazioni al diritto d'autore.  
Per dirla in un altro modo, le eccezioni a limitazioni non possono essere  
codificate. Ma - ancora più importante - crediamo che far rispettare i  
diritti con la tecnologia crei degli ostacoli agli utilizzi creativi delle  
opere non previsiti. Vogliamo incoraggiare questo tipo di usi. E , insieme  
a molti altri, siamo preoccupati che l'ecologia della creatività verrebbe  
soffocata dall'uso pervasivo della tecnologia per "gestire" i diritti.
Il diritto d'autore dev'essere rispettato, senza dubbio. Ma preferiamo che  
siano rispettati nel vecchio modo - da persone che agiscono in modo  
responsabile per rispettare le libertà e i limiti che l'autore sceglie e  
che si concretizzano nella legge.
56) Cosa succede se qualcuno prova a proteggere un'opera rilasciata con  
Creative Commons con un sistema di DRM?
Se qualcuno utilizza strumenti di DRM per restringere i diritti garantiti  
con la licenza, questa persona viola la licenza. Tutte le nostre licenze  
proibiscono ai licenziatari di "distribuire l'opera usando misure  
tecnologiche miranti a controllare l'accesso all'Opera ovvero l'uso  
dell'Opera, in maniera incompatibile con i termini della licenza".
57) Mi piace quello che fa Creative commons. In che modo posso rendermi  
utile? Siamo molto lieti di accettare il tuo aiuto sotto forma di  
donazioni: http://creativecommons.org/support/. In cambio, potrai ricevere  
una serie di oggetti, a seconda della donazione effettuata. Le donazioni e  
il sistema di invio di tali oggetti sono gestiti tramite il circuito  
Paypal. Ti preghiamo inoltre di darci la tua opinione direttamente a  
info a creativecommons.org, oppure partecipando alla nostre liste di  
discussione: http://creativecommons.org/discuss/.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it