[cc-it] PERCHE ASPETTARE LA SIAE?? go ascap!

Davide d'Atri davide a beatpick.com
Gio 14 Feb 2008 08:52:56 EST


Grazie a j.doe per avere segnalato l'articolo ascap per quanto riguarda il
creative commons:
http://www.ascap.com/playback/2007/fall/features/creative_commons_licensing.aspx

vi inviterei però anche a leggere la risposta di Lawrence Lessig, Law
Professor a Stanstead University, il creatore del Creative Commons:
http://www.lessig.org/blog/2007/12/commons_misunderstandings_asca.html

farei anche notare che ascap non può avere una visione indipendente e
disinteressata sull'argomento in quanto ascap potrebbe perdere royalties
quando le opere vengono licenziate sotto creative commons (notare il
"potrebbe"... argomento troppo lungo per oggi..l'articolo di lessig
chiarisce però). è anche importante notare che ascap da buon (quasi)
monopolista ha paura di qualsiasi altro concorrente. anche lessig però non
può avere una visione totalmente indipendente seppur la sua storia
accademica lo porta necessariamente a mostrare una visione il più possible
imparziale dell'argomento.
dopo aver sentito le varie campane... a voi stabilire cosa conviene di piu e
a chi conviene di piu... ricordate però che è la prima volta nella storia
dell'industria discografica che le collecting societies hanno
"concorrenti".. difficile che sia un male per il mercato. é facile invece
che diversi soggetti presenti nel mercato abbiano diverse opinioni ed
esigenze e quindi vadano poi ad usufruire di differenti servizi. abbiamo una
scelta finalmente! so far so good then...

Davide d'Atri
davide a beatpick.com
skype: beatpick
msn: info a beatpick.com
www.beatpick.com
http://www.linkedin.com/in/davidedatri

I am listening to:
http://www.beatpick.com/Detroit-Illharmonic-Symp<http://www.beatpick.com/Matt-Baker>

2008/2/13 j.doe <jdoe a wanadoo.fr>:

> Interessante pagina di ASCAP sul perche' CC non è consigliabile per
> chi deve campare di musica.
>
>
>
> Il giorno 12/feb/08, alle ore 12:38, Davide d'Atri ha scritto:
>
> > Buongiorno a tutti. prendo 2 minuti per rispondere alle vostre
> > domande.
> > in risposta a Gianluigi di dharmasound che scriveva: *"Ciao Davide,
> > ciao
> > tutti.
> > Sono Gianluigi Cocco della netlabel dharmasound.com.
> > Devo dire che la soluzione che hai proposto in merito all'ascap mi
> > sembra ottima. Piuttosto vorrei capire meglio come funziona la
> > cosa: la
> > SIAE rimane comunque il referente per quanto riguarda il pagamento di
> > eventuali revenues, giusto? E ancora, se pubblico per il free download
> > brani depositati in ascap devo comunque pagare alla SIAE il canone
> > mensile?
> > Per quanto riguarda il secondo punto,secondo me, che deposiata i brani
> > in siae lo fa per due motivi soltanto: tutela dell'opera (magari
> > perchè
> > si ignora l'esistenza di strumenti alternativi) e speranza di ricavare
> > qualche soldo dai diritti di utilizzo.
> > Sul discorso dell'elenco sulsito CC io sono d'accordo e do la mia
> > disponibilità operativa per qualsiasi attività necessaria."*
> >
> > 1- il tuo referente può diventare ascap.
> > http://www.ascap.com/about/howjoin.asp
> > 25 dollari per l'iscrizione senza nessun rinnovo annuale. pagano 4
> > volte
> > l'anno. si dice siano anche i più efficienti nel collezionare
> > international
> > royalties e pagare equamente gli artisti (non saprei confermare la
> > voce
> > però. no stats a disposizione).
> > iscrizione anche online. certo a quel punto ti potresti trovare nella
> > situazione di ascap che chiede soldi a siae e poi ascap ti gira i
> > soldi a te
> > (si dice che in questi giri si perdano altri soldi - dipende cosa
> > conviene
> > piu a te! a noi conviene avere più libertà).
> > 2- free download. tu pubblichi con ascap e poi firmi una
> > liberatoria (waiver
> > to collect royalties) dicendo che per tutte le transazioni che
> > avvengono via
> > "tale società"  non vuoi ricevere royalties (come ti dicevo questo è
> > possibile grazie al mandato non esclusivo). In questo modo ascap
> > non può
> > chiedere nulla per quelle transazioni incluso free download, public
> > performance, diffusione esercizi pubblici e privati e cosi via. siae è
> > chiaramente -completely out of the game-  in questo caso. guarda il
> > nostro
> > beatpick.com. c'è free streaming. dovremmo pagare una tombola ogni
> > mese
> > mentre grazie a questo sistema riusciamo a fare ciò che gli artisti ci
> > chiedono: diffondere il più possibile la musica e trovare loro
> > soldi nella
> > vendita sincronizzazione per film, tv e pubblicità. sembra tutto molto
> > complicato in realtà non lo è. siamo 6 persone e gestiamo 130
> > artisti/band
> > da tutto il mondo senza particolari problemi.
> > 3- tutela dell'opera...? purtroppo per la siae argomento molto debole.
> > soldi? mi piacerebbe vedere le loro stats.... potrei sbagliare ma
> > secondo me
> > il 50% degli iscritti siae non arriva a 200 euro alla fine
> > dell'anno. (a
> > beatpick alcuni nostri artisti sono arrivati ad oltre 5000 euro
> > quest'anno...)
> > 4- elenco aziende cc in italia. facciamo partire a breve una
> > mailing list in
> > modo che tutti possano contribuire mettendo nomi che conoscono.
> >
> > in risposta  florentin che diceva:
> > *Io credo molto nel punto due, ma se rapportiamo cio' che accade
> > non solo
> > nella musica a tutti gli ambiti di applicazione dei regolamenti e
> > delle
> > leggi sul diritto d'autore e sullo sofruttamento commerciale del
> > contenuto,
> > siamo troppo lontani dall'escluedere a priori la necessita' di una
> > siae o di
> > "trucchi" come quello di ASCAP. Io mi occupo di comunicazione e
> > design e ci
> > sono molti (ma molti) piu' problemi, nonostante anche la mia ditta
> > sfrutti
> > da anni le CC.
> > Per la lista delle aziende italiane che sostengono e usano le
> > CC...  eccomi,
> > aggiungetemi alla lista.. dove devo firmare?
> > Florentin, DIversamente produzioni.
> > *1- non ho mai detto che non si debba abolire la siae. è però
> > importante
> > capire che gli artisti in diverse fasi della loro carriera
> > appartengono a
> > segmenti del mercato molto diversi. Questi segmenti di mercato
> > devono essere
> > trattati in maniera diversa da i differenti business. la siae
> > tratta tutti
> > gli artisti in tutte le fasi della loro carriera in maniera eguale.
> > questo è
> > un sbaglio dal punto di vista del business che si traduce in un
> > servizio
> > molto poco efficiente per i musicisti, per gli artisti nel
> > multimedia e per
> > i music lovers. é invece importante capire  che  bisogna offrire
> > servizi
> > molto differenti con protezioni  scalabili  a seconda dei segmenti di
> > mercato.
> > 2- non è un "trucco" quello dell'ascap. è la legge dello stato
> > italiano e
> > degli stati uniti. è inoltre un modo per liberalizzare il mercato
> > altrimenti
> > dominato da monopolisti che agiscono protetti dai confini nazionali.
> >
> > in risposta a da_panoz che scriveva:
> > *Su http://www.pumpaudio.com/artists/faq.php#q_a3
> > si possono distribuire brani tramite loro che vendono anche su
> > gettyimages (dedicato anche ai non professionisti)*
> > 1- attenzione. pumpaudio è una specie di publisher cosi come beatpick,
> > youlicense.com, licensemusic.com, audiosparkx e tanti tanti altri.
> > c'è molta
> > differenza tra questi soggetti e ascap, siae etc etc.
> >
> > ciao a tutti. a presto. grazie per i feedback!
> >
> > Davide d'Atri
> > davide a beatpick.com
> > skype: beatpick
> > msn: info a beatpick.com
> > www.BeatPick.com
> > http://www.linkedin.com/in/davidedatri
> >
> > I am listening to: http://www.beatpick.com/Matt-Baker
> >
> >
> >
> >
> >
> > On Feb 12, 2008 11:25 AM, j.doe <jdoe a wanadoo.fr> wrote:
> >
> >> Su http://www.pumpaudio.com/artists/faq.php#q_a3
> >>
> >> si possono distribuire brani tramite loro che vendono anche su
> >> gettyimages (dedicato anche ai non professionisti)
> >>
> >>
> >>
> >> Il giorno 06/feb/08, alle ore 12:13, da_panoz ha scritto:
> >>
> >>> On Feb 5, 2008 3:26 PM, Davide d'Atri <davide a beatpick.com> wrote:
> >>>
> >>>> Salve a tutti,
> >>>>
> >>>> avendo oggi qualche minuto libero mi permetto di buttare giù
> >>>> qualche
> >>>> punto:
> >>>>
> >>>> 1- se la siae non vi fa distribuire le vostre opere sotto Creative
> >>>> Commons,
> >>>> non aspettate che i politici italiani si sveglino (e svecchino...)
> >>>> o che
> >>>> la
> >>>> siae sia costretta da agenti esterni.... semplicemente
> >>>> proteggete le
> >>>> vostre
> >>>> opere via ASCAP! la (siae americana). infatti l'ascap fu costretta
> >>>> dall'antitrust già anni fa a cambiare il suo statuto. uno dei
> >>>> cambiamenti
> >>>> fondamentali riguardò l' obbligatorietà del mandato "non
> >>>> esclusivo" per
> >>>> gli
> >>>> artisti iscritti all' ascap. ciò significa che gli artisti ascap
> >>>> firmano
> >>>> un
> >>>> mandato non vincolante solo a tale organizzazione ma possono poi
> >>>> usufruire
> >>>> dei servizi di altri agenti che operano in maniera differente da
> >>>> ascap. In
> >>>> poche parole, un artista ascap può essere iscritto ascap ed allo
> >>>> stesso
> >>>> tempo distribuire via creative commons. l'ascap accetta anche
> >>>> artisti non
> >>>> residenti in usa. La siae deve rispettare gli accordi di
> >>>> reciprocità...
> >>>> ecco
> >>>> che il gioco è fatto... noi a beatpick.com lo facciamo già da due
> >>>> anni.
> >>>> (l'artista deve firmare una liberatoria a collezionare compensi
> >>>> via gli
> >>>> agenti esterni che lavorano sotto cc.. posso dare piu info su
> >>>> questo se
> >>>> l'argomento vi interessa). Non aspettate i tempi della politica,
> >>>> agite sul
> >>>> business! a volte è molto più efficace e costringete la politica a
> >>>> seguire.
> >>>>
> >>>> 2- perche un artista emergente o un buon professionista, vorrebbe
> >>>> iscriversi
> >>>> siae o ascap? riuscite a darmi 5 ragioni? preciso che non ho nulla
> >>>> contro
> >>>> la
> >>>> siae. parlo da un punto di vista business e non parlo di artisti
> >>>> famosi.
> >>>>
> >>>> 3- non mi sembra ci sia sul sito cc italia un elenco delle aziende
> >>>> italiane
> >>>> o gestite da italiani che lavorano con licenze cc. lo facciamo?
> >>>
> >>>
> >>> Io credo molto nel punto due, ma se rapportiamo cio' che accade non
> >>> solo
> >>> nella musica a tutti gli ambiti di applicazione dei regolamenti e
> >>> delle
> >>> leggi sul diritto d'autore e sullo sofruttamento commerciale del
> >>> contenuto,
> >>> siamo troppo lontani dall'escluedere a priori la necessita' di una
> >>> siae o di
> >>> "trucchi" come quello di ASCAP. Io mi occupo di comunicazione e
> >>> design e ci
> >>> sono molti (ma molti) piu' problemi, nonostante anche la mia ditta
> >>> sfrutti
> >>> da anni le CC.
> >>>
> >>> Per la lista delle aziende italiane che sostengono e usano le
> >>> CC...  eccomi,
> >>> aggiungetemi alla lista.. dove devo firmare?
> >>> Florentin, DIversamente produzioni.
> >>>
> >>>>
> >>>>
> >>>> buona giornata a tutti,
> >>>>
> >>>> Davide d'Atri
> >>>> davide a beatpick.com
> >>>> Founder/CEO
> >>>> BeatPick.com
> >>>>
> >>>>
> >>>> I am listening to: www.beatpick.com/whiteroom
> >>>> _______________________________________________
> >>>> cc-it mailing list
> >>>> cc-it a lists.ibiblio.org
> >>>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >>>>
> >>> _______________________________________________
> >>> cc-it mailing list
> >>> cc-it a lists.ibiblio.org
> >>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >>> --------------------------------------------------------------------
> >>> --
> >>> -----------------
> >>> Orange vous informe que cet  e-mail a ete controle par l'anti-virus
> >>> mail.
> >>> Aucun virus connu a ce jour par nos services n'a ete detecte.
> >>>
> >>>
> >>
> >>
> >>
> > _______________________________________________
> > cc-it mailing list
> > cc-it a lists.ibiblio.org
> > http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> > ----------------------------------------------------------------------
> > -----------------
> > Orange vous informe que cet  e-mail a ete controle par l'anti-virus
> > mail.
> > Aucun virus connu a ce jour par nos services n'a ete detecte.
> >
> >
>
>
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it