[Cc-it] DRM

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Mer 1 Mar 2006 06:49:22 EST


Thomas ha scritto:

>
> Per cui se trovi un sistema DRM che impedisce la modifica dell'opera 
> nei casi di ND ma non limita la possibilità di fare copie private 
> dell'opera o compromette altrimenti le possibili libere utilizzazioni, 
> potrebbe essere compatibile con le CC.

Ok, grazie per la risposta. Hai confermato la mia idea.


>
> Io dubito che vi siano molti sistemi DRM in grado di procedere a tale 
> lettura delle situazioni di fatto...
>
> Almeno questa è la mia lettura. Tu non credi?


Probabilmente c'è un "equivoco" di fondo, Thomas.
Non è il DRM che deve essere dotato di intelligenza artificiale, ma 
l'essere umano che deve avere
la giusta conoscenza della legge (oppure una certa fortuna).

Facciamo un esempio molto semplice, così ci capiscono tutti:
se tizio rilascia la sua canzone con CC-ND o con CC-NC-ND, non esistendo 
alcuna libera utilizzazione che consenta ad altri di modificarla (ma 
anche in relazione alle altre tipologie di opere dell'ingegno possiamo 
dire che, nel 99% dei casi, le libere utilizzazioni consentono soltanto 
la *riproduzione* e la *diffusione*, non la *modifica*: artt. 65-71 
octies l.d.a.), *egli* può, *nel rispetto della licenza*, applicare 
all'opera un DRM (i DRM  non si applicano da soli) che consenta la 
riproduzione del brano ma non la sua modifica.

Un caso raro? Considerando che le CCPL non derivative sono le più 
diffuse, consiederando che esiste la tecnologia per fare ciò, 
considerando che
la licenza lo consente e considerando che la legge, nel 99% dei casi, lo 
consente, considerando che è l'uomo ad applicare il DRM e non il DRM ad 
applicarsi da solo... credo che il caso raro sia il caso contrario.

Tu non credi? :-)


Saluti,
n.a.g.






Saluti,
n.a.g.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it