[Cc-it] II° MASTER in diritto delle tecnologie informatiche 2005 - FIRENZE

emanuele quinto emanuele_quinto a yahoo.it
Gio 17 Feb 2005 22:58:19 EST


Avv. Barbara Gualtieri wrote:

> V i segnalo questo Master, la cui giornata conclusiva, è dedicata al 
> copyleft.
> Vi ringrazio comunque per l'attenzione.
> Barbara Gualtieri. 
> [...]
> *
> *
>
> Modalità di pagamento La quota di iscrizione al Master è di *€.280,00 
> comprensiva della quota associativa all’Osservatorio CSIG Firenze per 
> l’anno 2005*, dovrà essere versata mediante bonifico bancario 
> intestato a: *Osservatorio CSIG Firenze, Banca Nazionale del Lavoro, 
> Agenzia 2, Via Gioberti n° 26/a/r - Firenze; c/c 13001 ABI 01005 CAB 
> 02802 CIN U,* in ogni caso le iscrizioni dovranno pervenire entro e 
> non oltre il 1 marzo 2005.
>
> **
>
Ecco, mi chiedevo, senza voler essere provocatorio, per dire, visto che 
non ho una base giuridica ma sarei curioso di leggiucchiare qualcosa a 
riguardo, poi, non si sa mai, magari troverei qualcosa di interessante 
anche per me, mi chiedevo, dicevo, non è per caso che il materiale 
(dispense o presetnazioni) sarebbe disponibile con licenza CC?
Non voglio essere provocatorio, non voglio dire che sia ingiusto pagare 
per avere delle conoscenze, perché, certo, non viviamo in un mondo 
perfetto, siamo pur sempre un paese del capitalismo reale (forse alla 
fine, in effetti,  migliore di un paese del socialismo reale) e il 
mercato ha pure un certo senso (il famoso sesto senso?); non voglio dire 
quindi che 280 eurini siano troppi, o pochi, o ingiusti, pero' 
riflettevo sul fatto, un discorso proprio da mercato, da business, che 
chiunque organizzi un Master di questo tipo non perderebbe certo dei 
quattrini se rendesse disponibile il proprio materiale. In fin  dei 
conti penso che i soldi valgano per il fatto di avere dei docenti, delle 
persone discenti con cui confrontarsi e il tempo di potersi concentrare 
sopra quegli argomenti, cose che si possono ottenere, appunto, solo 
partecipando realmente, e non solo visrtualmente, al Master.
Quindi non ci sarebbe una perdita.
Anzi.
In effetti c'e' una probabilità non nulla che chi abbia in mano il 
materiale, verificata la reale serietà e la professionalità degli 
organizzatori, possa decidere di iscriversi a una nuova edizione dello 
stesso. Insomma sarebbe una mossa pubblcitaria che trovo estremamente 
corretta, che tra l'altro, trovo estremamente sovrapponibile alla logica 
del software free: lo provo, mi piace, lo prendo, lo uso e se ho bisogno 
posso trovare dei professionisti, che evidentemente poi sono disposto 
anche a pagare il giusto, per farmi aiutare o assistere 
nell'uso/sviluppo del prodotto; e come diceva Alessandro Rubini
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-February/002992.html puo' 
funzionare anche per i libri.
Di piu'.
Ancora.
Allo stato attuale delle cose, trovo che sia una mossa di immagine 
estremamente azzeccata, rivolta certo a un pubblico ancora un po' di 
nicchia, ma, you know, the times they're a changin', che proverebbe 
certo apprezzabile e degna di considerazione una proposta di questo 
tipo, e quindi, magari, maggiormente disposta a spendere degli oculati 
euro per iscriversi.

La riflessione mi e' venuta, sullo stimolo della discussione lanciata da 
Angelo Rindone 
(http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-February/003024.html), 
con il quale abbiamo appunto avviato una collaborazione (noi con la 
rivista Kronstadt, lui con i disegni di HackerAlbum) sulla base dei 
principi delle CC. Ecco penso che riuscire a spostare il mercato delle 
conoscenze e delle competenze nella direzione di questa logica sarebbe 
un bel passo in avanti.

emanuele
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20050218/8168cd53/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it