[Cc-it] Re: effetti paradossali di CC

SM ragla a radiogladio.it
Gio 11 Nov 2004 14:30:52 EST


Potrei non essere stato chiaro? Puo' darsi. Ma non voliamo bassi, Danilo:

Con TUTTO non intendevo tutti i diritti, bensi' 
qualsiasi cosa nel senso di genere di cose su cui 
applicare il copyright. Non si entra nel campo 
del bello e del brutto (non offendiamo le nostre 
intelligenze): ci sono alcune attivita' creative 
(sublimi o spregevoli, buone o malvagie: non 
c'entra) che non sarebbe opportuno proteggere, 
come la lista della spesa o le conversazioni tra 
amici al bar.

Ormai chiunque canticchi sotto la doccia rilascia 
quelle note con una licenza CC. Io non contesto 
la qualità del canticchio, magari sublime, ma 
l'opportunità di riservarsi dei diritti (tutti o 
alcuni, non fa differenza) su questa specifica 
attività (perfino se a canticchiare sotto la 
doccia è Mina).

La licenza CC non c'entra, ma agisce soltanto da 
catalizzatore di questo fenomeno. Infatti se 
prima non c'era scritto niente (quindi tutti i 
diritti erano liberi) adesso, grazie alla 
coolness della licenza CC alcuni diritti sono 
diventati riservati. Certo, alcuni e' meglio, se 
l'alternativa e' tutti. Ma se invece e' nessuno 
(no copyright)? Noi dovremmo sapere la differenza 
tra no© e CC; infatti nel mio primo messaggio 
trovi l'espressione "effetto collaterale 
paradossale". Ti e' piu' chiaro adesso?

Ritengo che il gran parlare che si fa ultimamente 
di CC (non qui, dove stiamo apposta) stia 
generando alcuni effetti negativi (un altro? La 
gente famosa che saltera' sul carrozzone CC per 
farsi la reclame e sembrare avanti: un fatto 
forse perfino positivo ma non completamente 
assolvibile, a mio avviso) tra i molti positivi 
(non a caso sono qui) e lo dico, non solo qui e 
non soltanto da oggi.

Se questo thread vi pare off topic ditemelo: 
questo tema e' "Effetti presenti e futuri (anche 
collaterali e involontari) delle licenze CC" e a 
me personalmente pare utile.
SM

>http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-November/001485.html
>ragla at radiogladio.it scrive:
>Proteggere TUTTO e' sbagliato, politicamente e
>culturalmente.
>Danilo Moi risponde:
>Appunto.
>Le creative commons non "proteggono" tutto.
>(Se per proteggere si intende "blindare", o qualcosa di simile)
>ragla at radiogladio.it scrive:
>Ho visto disclaimer in siti di ragazzini con dentro
>la foto del loro gatto.
>Danilo Moi risponde:
>Qui entriamo in un ambito noto, l'ambito del 
>"giusto e dell'ingiusto", del "bello e del 
>buono"...sono 3000 anni che si chiacchiera a 
>riguardo e ancora non ci si è messi d'accordo :-)
>Domanda: boicotteresti l'utilizzo del telefonino 
>solo perchè è utilizzato per scaricare suonerie 
>cretine?
>Dico: tutta quella tecnologia solo per rimbecillire la gente!
>Credo di no.
>Qui si parla di licenze, il fatto **evidente e 
>risaputo** che disgraziatamente la maggior parte 
>delle opere che le Creative Commons tuteleranno 
>saranno cacca (seguo la tua "immagine forte") 
>non significa che le licenze stesse siano 
>"cacca".
>Siamo appunto su due piani diversi.
>...fondiamo le **Creative Colons** ;-)
>This shit is licensed under a Creative Colons 
>license...e si segnalano tutte le opere 
>"discutibili".
>Ci denuncerà il mondo ma sai che soddisfazione linkarci "Free culture" ;-)
>Un saluto
>Danilo Moi
>danilomoi at creativecommons.it
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it